85° anniversario della nascita del “Che”Tribuno del Popolo
mercoledì , 23 agosto 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

85° anniversario della nascita del “Che”

Nemo profeta in Patria: nemmeno Che Guevara

Photo Credit

1… Oggi, 14 giugno 2013, Ernesto “che” Guevara de la Serna avrebbe compiuto 85 anni, essendo nato a Rosario (Argentina) il 14 giugno 1928. Ottantacinque anni, un’età canonica mediamente raggiungibile da buona parte degli abitanti dell’emisfero Nord. Avrebbe potuto essere ancora fra noi.

Invece, il “Che” morì a 39 anni (il 9 ottobre 1967), a La Higuera, combattendo sulle montagne della Bolivia,  barbaramente trucidato, dopo la cattura, dagli sgherri boliviani di Barrientos e dagli agenti della Cia.

So che qualcuno potrebbe liquidare questo ricordo come patetico. Francamente, me ne strafotto di questo “qualcuno” e continua a scrivere per afflato politico, per gli ideali che il “Che” (ci) ha inoculato, rafforzato e suscitato in centinaia di milioni di giovani nel mondo. Lo ricordo, con affetto, come un congiunto emigrato in Sud America, divenuto celeberrimo ma mai conosciuto di persona.  2… La morte d’Ernesto Che Guevara ci giunse, terribile ed inattesa, nel salone dell’ex Cral di Agrigento dove eravamo riuniti per un’assemblea provinciale degli eletti comunisti, presieduta da Armando Cossutta.

Era un pomeriggio di una tiepida domenica ottobrina. I compagni erano venuti da ogni angolo di questa provincia, povera ma combattiva, col vestito della festa, come si usava allora.
In giacca e cravatta e con tante idee in testa, abbarbicati alle nostre granitiche certezze, udivamo l’eco lontana dei primi moti studenteschi in America, in alcune piazzeforti del potere della società occidentale.
Sapevamo del Che Guevara, del combattente intrepido che per noi giovani incarnava, in quel momento, il sentimento più autentico della rivoluzione socialista mondiale.
Taluni lo bollarono come un avventuriero romantico, votato al suicidio.
Qualcosa di vero c’era in quelle critiche. Tuttavia, a molti parve che quella bella ”avventura” potesse scuotere quel corteo pietrificato di mummie che popolavano le dorate stanze del Cremlino.

3… Quel 9 d’ottobre del 1967, sulle montagne boliviane morì un uomo, ma nacque un mito potente e  affascinante che continua a segnare gli ideali di milioni di giovani. E non solo.
Un fenomeno talmente vigoroso sul quale, non a caso, hanno allungato le grinfie i mercanti di quelle multinazionali gli stessi che fecero ammazzare il Che, barbaramente.
Oggi, si può disquisire sulla bontà della strategia politica e/o della tattica della guerriglia guevariana, tuttavia nessuno può mettere in dubbio la forza seducente di un mito che nemmeno le più serie riflessioni critiche hanno scalfito.
Certo, anch’egli avrà commesso qualche errore, ma quel volto bello, velatamente intristito, è stata l’icona più amata del secolo passato.
Durante questi anni, altri ”miti” si sono affacciati, soprattutto sul palcoscenico di cinema e tv, ma presto sono scomparsi, evidentemente perché effimeri come la moda che li ha generati.

Quello del Che ancora ben resiste e si tramanda di generazione in generazione.
E questo dovrebbe far riflettere poiché vuol dire che quel mito è ancora necessario per placare le nostre inquiete coscienze, per sperare d’uscire dal groviglio di contraddizioni e di ingiustizie che pesano sul presente e sul futuro dell’umanità. Senza i Miti, l’uomo sarebbe una specie di verme allucinato.

4… Ma torniamo ad Agrigento, a quella domenica d’ottobre. Improvvisamente, nella sala l’atmosfera si fece pesante, gravida di preoccupazione, come quando s’attende l’emissione di un tg in edizione  straordinaria. Il presidente interruppe l’acceso dibattito sui magri destini dei nostri enti locali e diede la parola alla compagna Vittoria Giunti, partigiana e sindaco di S. Elisabetta.
Avrebbe voluto essere formale, Vittoria, secondo il rituale tipico di queste circostanze, invece dopo le prime parole ”Abbiamo ricevuto dalla Direzione la conferma…” proruppe in un pianto irrefrenabile, sincero, che annunciava la morte di un sogno.
”E’ caduto in combattimento, sulle montagne della Bolivia…” aggiunse, quasi a volerci rassicurare che il Che era morto da combattente, com’era vissuto per la gran parte della sua esistenza, e che non aveva tradito il senso morale e politico della sua missione che ora, in forza del suo esempio,

s’affidava alle nuove generazioni.
Sono passati 46 anni è ancora c’è tanto da conoscere, da discutere intorno a questa eccezionale figura di rivoluzionario un po’ atipico.

5… Concludo, con una nota un po’ amara, a margine di questa personale rievocazione di Ernesto Guevara il cui mito ancora resiste in tutto il mondo, tranne a Rosario sua città natia.
Nemo profeta in patria, dicevano i latini, ma in questo caso il disinteresse della ”patria” mi sembra davvero cieco quanto ingiustificato.
Stranamente, non si parla né si scrive di questa incomprensibile ritrosia che, per altro, si verifica in una città di tradizione operaia, quasi sempre guidata da amministrazioni progressiste.
A parte un “mausoleo” di mattoni grezzi creato dagli artisti rosarini e qualche souvenir per i turisti, il mito del suo illustre figlio ancora non è approdato su questa sponda del rio Paranà.
Si è arrivati al punto – come constatai nell’ottobre 2005 – che sulle pareti della casa natale del Che (in calle Entre Rios) non c’è una targa che ricordi che in quella palazzina nacque Ernesto Guevara de la Serna.

La casa natale del “Che” a Rosario

Una dimenticanza? Pare proprio di no. La causa – mi è stato detto – sembra dovuta ad un ripetuto rifiuto dei condomini, fra cui una società di assicurazioni, i quali, forse, temono di veder turbata la loro quiete piccolo borghese. Veramente piccola, piccola.
Per rimediare a tale riprovevole diniego, gli estimatori del Che, compresi i rappresentanti diplomatici di Cuba, hanno applicato alcune targhe commemorative sulla parete della… casa di fronte. A ben pensarci, qualcosa di simile è successo anche in Italia, nella stessa Palermo quando si è voluto onorare la memoria e il sacrificio delle vittime di mafia. Successe, tempo fa, per l’apposizione di una targa in memoria di Giovanni Falcone. D’altra parte, cosa si vuole quando il presidente del Parlamento siciliano, on. Miccichè, giunse a stigmatizzare, pubblicamente, “l’errore” di aver denominato l’aeroporto palermitano ”Falcone e Borsellino”’ poiché – secondo lui – tale denominazione scoraggiava il turismo.

Agostino Spataro

Joppolo Giancaxio,14 giugno 2013

N. B. Alcuni brani di questo articolo sono stati ripresi da un mio precedente apparso su “guidasicilia.it”,

 VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top