A Caserta tanti Optì Pobà. Alla faccia di TavecchioTribuno del Popolo
venerdì , 26 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

A Caserta tanti Optì Pobà. Alla faccia di Tavecchio

A Caserta una squadra di calcio basata su principi saldi cerca di combattere il razzismo e diffondere una cultura diversa; sono gli RFC Lions Ska Footbal Club

Castel Volturno per la manifestazione antirazzista indetta dal csa ex Canapificio di Caserta ed il movimento dei rifugiati e migranti casertano lo scorso sabato 18 ottobre c’erano anche i ragazzi della RFC Lions Ska Football Club, squadra di calcio casertana.  È una manifestazione programmata da tempo e che negli intenti deve servire nell’immediato a regolarizzare un migliaio di irregolari che vivono da anni a Castel Volturno. Circa 5000 i partecipanti, purtroppo pochi italiani. Ma tra i presenti altre due realtà campane di calcio popolare:  Stella Rossa 2006 di Napoli e Atletico Brigante di Benevento.

Il problema migrazione sta deragliando verso una deriva razzista in molte città italiane. Lega Nord, Forza Nuova e Casapound da anni stanno praticando nelle periferie delle grandi città e non solo una politica basata sul respingimento degli extracomunitari. La manifestazione di sabato tenutasi a Milano ne è un esempio.ì

Caserta, anche grazie al lavoro svolto dalla RFC Lions Ska Footbal Club, si sta dimostrando una città che combatte i pregiudizi razziali. Domenica, durante la partita della Casertana, prima squadra della città campana, i giocatori hanno fatto il loro ingresso in campo con uno striscione che recitava: “Caserta ripudia il razzismo”.

Un gesto bellissimo in un mondo, quello del calcio, intriso di razzismo, in cui la maggior parte delle curve italiane sono schierate a destra e dove il neo Presidente della Figc, Carlo Tavecchio, è stato punito per frasi razziste dalla Uefa con una sospensione di 6 mesi. Una condanna che non sembra ricalcare quel antirazzismo tanto decantato dalla Uefa. Forse in un altro paese Tavecchio si sarebbe dovuto dimettere ma si sa che in Italia non è così, anzi, gli atteggiamenti privi di moralità ed etica fanno quasi curriculum; così come fanno curriculum le condanne di chi si appresta a ricoprire le cariche più importanti nella nostra società. A tal proposito Tavecchio ha davvero un bel curriculum: è stato processato e condannato cinque volte. È stato condannato a 4 mesi di reclusione nel 1970 per falsità in titolo di credito continuata in concorso, a 2 mesi e 28 giorni di reclusione nel 1994 per evasione fiscale e dell’IVA, a 3 mesi di reclusione nel 1996 per omissione di versamento di ritenute previdenziali e assicurative, a 3 mesi di reclusione nel 1998 per omissione o falsità in denunce obbligatorie, a 3 mesi di reclusione nel 1998 per abuso d’ufficio per violazione delle norme anti-inquinamento, oltre a multe complessive per oltre 7 000 euro.

La RFC nasce nel 2011 dall’idea di alcuni ragazzi/e con la passione in comune per lo sport e per la musica ska. Non si tratta di una semplice squadra di calcio, ma di una libera associazione di persone, multietnica e aperta a chiunque condivida il progetto – dentro e fuori dal campo – di portare avanti e coltivare un’idea di calcio diversa, un calcio vissuto a partire dal basso, autofinanziato, accessibile a tutti/e e fondato sui valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo e della lotta qualsiasi altra forma di discriminazione. Contro il calcio moderno, dominato da interessi economici, discriminazioni non solo razziali e repressione, la nostra concezione dello sport privilegia la socializzazione, l’inclusione, il rispetto ed il sostegno reciproco tra giocatori e tifosi.

 Nicola Gesualdo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top