A Genova passa l'accordo sui trasporti, ma la tensione resta altaTribuno del Popolo
giovedì , 19 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

A Genova passa l’accordo sui trasporti, ma la tensione resta alta

L’assemblea dell’Amt, azienda dei trasporti di Genova, ha approvato l’accordo siglato nella notte di venerdì. Si intravede la luce in fondo al tunnel dopo quattro giorni di sciopero.

Alla fine l’assemblea dei lavoratori Amt, in sciopero da oltre quattro giorni nel capoluogo ligure, ha approvato l’accordo siglato al termine di una seduta notturna tra venerdì e sabato. Si intravede una possibile soluzione sullo sfondo alla crisi che ha paralizzato i trasporti di Genova. All’intesa hanno preso parte la Regione Liguria, il Comune di Genova, l’Amt e varie organizzazioni sindacali, e l’accordo dovrebbe portare allo sblocco dei trasporti pubblici. La votazione è comunque stata molto sofferta e sono stati numerosi i lavoratori contrari all’accordo che hanno abbandonato la sala. La tensione però resta alta così come resta alto il disagio dei lavoratori e delle famiglie, come se non bastasse qualcuno vorrebbe alzare i toni diffondendo la notizia del ritrovamento di una busta con proiettile e messaggio di minacce indirizzata al presidente dell’Amt nell’aeroporto di Genova. L’assemblea dei lavoratori dell’azienda municipale di trasporti ha ovviamente subito diffuso una nota per dissociarsi dagli atti intimidatori. A Genova i bus sono ormai fermi dal 19 novembre in modo totale, al punto che l’intera città è rimasta letteralmente paralizzata e bloccata. I lavoratori hanno improvvisato cortei quasi quotidianamente, mostrando che la voglia di lottare esiste ancora per impedire le privatizzazioni selvagge nell’aria da tempo. Secondo fonti sindacali la bozza di accordo firmata prevederebbe l’impegno della Regione a rendere operativa la nuova legge regionale sul trasporto pubblico locale entro la fine del 2014, mentre il Comune verserebbe entro il prossimo anno 4,3 milioni di euro, recuperando altri 4 milioni dalla riorganizzazione aziendale, senza  toccare né gli stipendi né gli orari di lavoro dei dipendenti. Intanto i lavoratori dell’Amt dovranno far fronte anche alle multe legate alla precettazione per sciopero, una multa quantificabile intorno a 250 euro per ogni giorno di astensione dal lavoro.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top