A Torino sgomberata l'occupazione di Via AstiTribuno del Popolo
giovedì , 20 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

A Torino sgomberata l’occupazione di Via Asti

L’associazione Terra del Fuoco assieme ad altre realtà torinesi aveva occupato la caserma La Marmora di Via Asti. Dopo che pochi giorni prima alcune famiglie Rom sgomberate hanno occupato a loro volta la caserma, nelle scorse ore puntuale è arrivato lo sgombero.

La caserma di Via Asti non era un luogo come gli altri, si trattava di un luogo molto particolare per la storia di Torino, un luogo presente nelle vive memorie di coloro che vissero sulla loro pelle l’abominio della Seconda Guerra Mondiale. La caserma La Marmora infatti era il luogo dove le Brigate Nere fino all’ultimo detenevano e torturavano i partigiani, un luogo che l’associazione Terra del Fuoco decise di occupare lo scorso 25 aprile, una data scelta non a caso, per protestare contro lo stato di abbandono della struttura. La caserma era stata venduta dal Demanio alla Cassa Depositi e Prestiti e l’ente statale nei giorni scorsi ha denunciato formalmente l’occupazione dello stabile alla procura, dando così il via libera allo sgombero. A causare questa decisione ha influito probabilmente la decisione di una decina di giorni fa di un’ottantina di Rom allontanati dai campi abusivi di occupare a loro volta la caserma. Il comitato degli occupanti di Via Asti aveva a quel punto preso la decisione di dare l’ok alla permanenza delle famiglie Rom, ma evidentemente il configurarsi dell’occupazione della caserma come una occupazione a sfondo “abitativo” da parte dei rom ha convinto le autorità a sgomberare.

Secondo la “Stampa” erano stanti anche i residenti del quartiere a mobilitarsi con alcune petizioni per chiedere l’allontanamento degli occupanti considerati abusivi. La sensazione però è che nessuno voglia occuparsi di trovare una situazione al problema abitativo, evidentemente ben più complesso di quanto non sembri in una città piena di contraddizioni come Torino. Dopo lo sgombero studenti universitari e attivisti si sono radunati in strada per inscenare una protesta, ma intanto ci si chiede dove finiranno le famiglie sfrattate dalla caserma che, almeno per il momento, la Croce Rossa ha proposto di sistemare  in una palestra nel quartiere delle Vallette. Usciti dalla caserma i rom e gli occupanti è stato iniziato un corteo che ha imboccato Corso Casale per arrivare fino in Piazza Castello.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top