Afghanistan. Casa Bianca ipotizza ritiro truppe entro il prossimo anno | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 18 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Afghanistan. Casa Bianca ipotizza ritiro truppe entro il prossimo anno

Testimonianze ufficiali della Casa Bianca nei giorni scorsi hanno reso noto che gli Stati Uniti starebbero considerando un ritiro dall’Afghanistan in concomitanza con la fine della missione Nato il prossimo anno. 

Operation Enduring Freedom (OEF)

Per la prima volta nel giro di più di dieci anni gli Stati Uniti stanno seriamente parlando di ritiro dall’Afghanistan. Ricordiamo che l’invasione dell’Afghanistan cominciò all’indomani dell’11 settembre delle Torri Gemelle, e da allora le truppe americane e della Nato continuano a trovarsi a Kabul. Ora però qualcosa potrebbe muoversi dopo che negli ultimi giorni, come riferito da RT.com, alcune voci ufficiali della Casa Bianca hanno reso noto che si starebbe considerando un ritiro delle truppe dall’Afghanistan l’anno prossimo, quando finirà anche la missione della Nato. Si tratta della prima volta in assoluto che Washington ha pubblicamente detto di voler considerare un ritiro dall’Afghanistan, e questo andrebbe tralaltro in contrasto con quanto dichiarato dal Pentagono, che invece parla di lasciare una presenza americana in loco per addestrare l’esercito locale e aiutare a tenere Al-Qaeda sotto controllo. Una delle opzioni fin qui prese in considerazione dall’amministrazione Obama per porre fine al conflitto era di lasciare una sorta di contingente residuo di 3000 soldati, con una seconda opzione sul campo di lasciarne 15.000. Attualmente sono circa 66.000 i soldati americani presenti in Afghanistan, e nel 2010 erano 100.000. Si parla di ritiro di truppe da qualche giorno, da quando cioè Obama ha incontrato Hamid Karzai alla Casa Bianca . I due presidenti hanno discusso della loro salda alleanza e hanno parlato apertamente del ritiro delle truppe americane nel 2014 anche se sarebbero ancora in disaccordo su molti punti chiave. Uno è la richiesta americana che le truppe Usa ottengano l’immunità penale una volta terminati i combattimenti. Ovviamente Karzai non è d’accordo con questa proposta e le due parti starebbero ancora trattando. In sostanza senza ottenere un’autorità garantita dallo Stato sovrano, secondo gli Stati Uniti non ci sarebbero più le basi per continuare un’azione militare sul territorio, e il riferimento è al rifiuto del 2011 delle autorità irachene di garantire l’immunità alle truppe americane.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top