Afghanistan. Respinto assalto dei talebani al ParlamentoTribuno del Popolo
lunedì , 23 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Afghanistan. Respinto assalto dei talebani al Parlamento

Torna a infiammarsi l’Afghanistan dopo che i talebani hanno rivendicato l’attentato al Parlamento, proprio nel centro di Kabul. Un commando di sette uomini ha tentato di attaccare il Parlamento con una autobomba prima di venire intercettato dalle forze di sicurezza proprio mentre nel palazzo i deputati erano in riunione. La paura ora è quella di una nuova ondata di terrore.

I luoghi “caldi” degli ultimi anni sono diventati l’Iraq, la Siria e la Libia, al punto che quasi più nessuno parla dell’Afghanistan e della sua difficile situazione interna. Dopo oltre dieci anni di guerra e di occupazione in molti pensavano che finalmente il Paese avesse intrapreso una lunga strada verso la pacificazione, ma la sensazione è che ora la situazione possa degenerare nuovamente anche a Kabul. Nelle ultime ore infatti la capitale afghana è stata colpita al cuore da un attentato proprio di fronte al Parlamento realizzato dai talebani. Tutto è cominciato con un autobomba esplosa all’esterno dell’ingresso principale del Parlamento, poi un commando di talebani avrebbe sostenuto uno scontro al fuoco con le forze di sicurezza, avendo poi la peggio. Alla fine l’assalto è terminato con la morte di tutti i talebani facenti parte del commando e con almeno 20 feriti tra cui cinque donne e due bambini. I deputati del Parlamento sono stati subito evacuati e nessuno di loro avrebbe riportato ferite, anche se si trovano in stato di shock per via dell’attacco subito. Si tratta quindi di un episodio molto grave che riporta il problema del terrorismo prepotentemente sul tavolo in un Paese, l’Afghanistan, ancora indebolito e incapace di fronteggiare il terrorismo. Ultimamente si era anche parlato di possibili abboccamenti in atto tra i talebani afghani e lo Stato Islamico, per molti semplici illazioni ma per altri invece un possibile asse del terrore che potrebbe far ripiombare anche Kabul nella guerra civile. Inoltre proprio i talebani avrebbero ripreso l’offensiva nelle provincie settentrionali del Paese, in particolare nella provincia di Kunduz al confine con il Tajikistan. Domenica notte sono stati segnalati scontri molto pesanti con le forze di sicurezza con i miliziani talebani che avrebbero preso alcuni villaggi dimostrando anche plasticamente come la pace in Afghanistan sia del tutto aleatoria e appesa a un filo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top