Aggressione neofascista ai 99 PosseTribuno del Popolo
lunedì , 29 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Aggressione neofascista ai 99 Posse

Il famoso gruppo dei 99 Posse è stato aggredito a Velletri, nella provincia di Roma, da un gruppo di neofascisti. Solo l’intervento della sicurezza del locale ha evitato il peggio.

Photo Credit

Ho un rigurgito antifascista“, intonava Zulù qualche anno fa, anchor man e cantante dei 99 Posse, storico gruppo italiano che ha fatto dell’antifascismo uno dei suoi valori militanti. A Velletri però il gruppo napoletano ha subito una brutale aggressione squadrista da parte di un gruppo di venti neofascisti, che hanno anche ferito alla testa, seppur non in modo grave, Zulù. “E’ accaduto ieri sera a Velletri, in provincia di Roma, intorno alle ore 22.30, quando subito dopo aver parcheggiato la macchina nella piazza antistante il pub “Passo carrabile”, dove Zulù avrebbe dovuto esibirsi, il nostro cantante e uno dei fonici della band sono stati aggrediti con cinture e altri oggetti atti a offendere da un gruppo di una ventina di persone che esponevano simboli di estrema destra“, si legge in un comunicato.

FERITO

La pronta reazione e l’intervento della sicurezza del locale hanno fatto sì che gli aggressori si dessero rapidamente alla fuga, impedendo che l’episodio avesse conseguenze più gravi delle contusioni, dei tagli e delle abrasioni superficiali riportate dai nostri compagni, che hanno rifiutato di essere trasportati in ospedale. Purtroppo la serata non ha potuto avere luogo e ci scusiamo con i presenti che erano venuti ad assistere allo spettacolo“. Due membri della band hanno subito contusioni e tagli ma non hanno voluto essere portati in ospedale e non hanno sporto denuncia. Sul sito web i 99 Posse si sono scusati con il pubblico per l’incidente e hanno lanciato un ammonimento: “Si tratta di un fatto grave che si inserisce in una sempre più preoccupante recrudescenza dell’estremismo fascista in Europa e in Italia. Nella notte dello stesso 5 giugno  una molotov è stata lanciata contro il portone del centro sociale Astra 19 nel cuore del Tufello a Roma, al piano terra di una casa popolare abitata da decine di persone. Anche in questo caso, chiara la matrice fascista, nel clima avvelenato della campagna elettorale per le Comunali a Roma“. Insomma, siamo di fronte a un vero e proprio rigurgito di neofascismo, la speranza è che le autorità per una volta affrontino questo problema di petto, impedendo che abbiano luogo queste vergognose intimidazioni fasciste, troppo spesso vergognosamente impunite. Coraggio Zulù…

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top