Alemanno nella bufera a Roma: ex della banda della Magliana al Campidoglio | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 23 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Alemanno nella bufera a Roma: ex della banda della Magliana al Campidoglio

Alemanno nell’occhio del ciclone. Il sindaco di Roma è finito sul banco degli imputati dopo una clamorosa rivelazione: Maurizio Lattarulo, arruolato nel luglio 2008 come consulente esterno per le Politiche Sociali, era un membro della Banda della Magliana e dei Nar. L’opposizione ha subito sollevato un polverone contro il sindaco ex di An.

La Banda della Magliana, ai tempi d’oro, controllava Roma. “Pijamoce Roma”: fu questa la parola d’ordine diventata famosa dopo le fatiche cinematografiche che hanno fatto conoscere le avventure criminali della Banda, e a distanza di qualche decennio Maurizio Lattarulo alla fine Roma se l’è presa. Stiamo parlando di una strana storia cominciata nel luglio di 4 anni fa, nel 2008 per la precisione, quando Gianni Alemanno riusciva a conquistare lo scranno di sindaco dell’Urbe. Alemanno scelse proprio l’ex membro della Banda della Magliana, nonchè militante dei Nar, dove svolse il ruolo di luogotenente dell’estremista nero Massimo Carminati, come consulente esterno per le Politiche Sociali. Una scelta quantomeno discutibile quella operata da Alemanno, che evidentemente ha finto di ignorare che Lattaraulo era stato il braccio destro del boss De Pedis con nome di battaglia: “Provolino”. Difficile spiegare il perchè di questa scelta, ed è esattamente quanto si è domandato Giovanni Barbera, presidente del consiglio del XVII Municipio di Roma, lo stesso che nelle prossime ore invierà alla commissione trasparenza del Comune un’interrogazione urgente sui fatti. Del resto il sindaco romano non è nuovo a nominare in posti di rilevo amici ed ex camerati, ne sa qualcosa Stefano Andrini, anche lui ex estremista di destra, nominato ad di Ama Servizi, ma anche l’ex Nar Francesco Bianco, assunto nel 2010 come operaio dell’Atac. Lattarulo comunque nel 2008 era riuscito a entrare nello staff dell’assessorato alle Politiche sociali, entrando proprio lì dove De Pedis e gli altri della Banda avrebbero sempre sognato di arrivare. Cominciò con un contratto a termine, secondo l’articolo 90, ovvero con “riserva di accertamento dei requisiti per l’accesso allo stesso”.  Da luglio a dicembre 2008 Lattarulo ha ricevuto dal Comune qualcosa come 13.000 euro, e nei due anni successivi ben 30.670 euro. “Non sappiamo con quale tipo di contratto sia rimasto“: si sono difesi in modo piuttosto fragile alcune fonti interne al Campidoglio, ignorando come nemmeno due mesi fa, quando si discuteva del bilancio Acea, Lattarulo fosse tranquillamente presente. Ma Lattarulo nella Banda della Magliana non era un “pesce piccolo”, anzi. Nell’ordinanza di rinvio a giudizio firmata dal giudice Otello Lupacchini, il nome di “Provolino” era sempre in prima fila accanto a quelli di De Pedis, Massimo Carminati, del cassiere Nicoletti, Paolo Frau e Giuseppe de Tomasi. Secondo le carte il ruolo di “Provolino” sarebbe stato quello di gestire i circoli scommesse e le sale giochi della città, “aperti dalla banda per riciclare il denaro sporco provento di usura e spaccio“. Insomma dal racket della droga e dal gioco d’azzardo fino alle istituzioni e al Comune di Roma; possibile che Alemanno non sapesse?

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top