Alfano, i "Vu Cumprà" e il "medioevo tecnologico"Tribuno del Popolo
venerdì , 22 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Alfano, i “Vu Cumprà” e il “medioevo tecnologico”

Le crisi spesso non investono mai un solo ambito, così la crisi economica del nostro Paese è anche una crisi di valori, culturale e politica. Angelino Alfano che si scaglia contro le orde di “Vu cumprà” da spiaggia è lo specchio di una Italia in declino irreversibile. 

Un tempo era solo la lega Nord a deliziarci con luoghi comuni razzisti e xenofobi, la cosa ci dava anche particolarmente fastidio ma era relegata in un recinto, così si poteva far finta che fosse una sorta di  valvola di sfogo per gli umori più bassi del popolo, uno sfogo innocuo che tra proclami razzisti e adunate padane strappava anche qualche sorriso misto di commiserazione e incredulità. Ora sono in tanti ad accorgersi che il cinismo e il razzismo tirano eccome in questo nuovo “medioevo tecnologico” in cui il neoliberismo sembra averci fatto piombare, così Alfano non è da meno e si mette a inseguire Lega Nord e Fratelli d’Italia sul loro stesso terreno, ovvero quello della estrema destra dura e pura. Lo ha fatto parlando a Caserta, dove il buon Angelino non le ha mandate a dire: “Non accet­te­remo che un immi­grato prenda il posto di lavoro di un ita­liano“, una frase che ha scatenato un vespaio di polemiche. Nemmeno il tempo di far calmare le acque che ecco pronto a rilanciare: “Gli ita­liani sono stan­chi di essere inso­len­titi da orde di vu cum­prà, dob­biamo radere a solo la con­traf­fa­zione“, parola del ministro dell’Interno, sì avete capito bene. In pieno XXI secolo continuiamo a parlare di epidemie, untori, orde e di vu cumprà, sembra quasi che secoli di progresso siano passati invano, dissipati dai venti di crisi che risvegliano l’animo più cupo e nero dell’Europa, un animo che è rimasto acceso sotto la cenere, troppo spesso ignorato da “democratici” che hanno caricato a testa bassa a sinistra indulgendo sempre e comunque a destra. Inutile dire che i termini “orde” e “vu cumprà” hanno comprensibilmente attirato le critiche di un vasto spettro di persone nei confronti di Alfano che vanno dal Pd fino alle Acli, ai sindacati, alla sinistra in generale e persino alla comunità di Sant’Egidio. Alfano ha pensato bene di lanciare la sua stoccata contro gli immigrati in occasione della presentazione della campagna “Spiagge sicure” con cui il governo cerca di contrastare l’abusivismo e la contraffazione. Inutile dire che i principali responsabili che si occupano della produzione e dello smercio di merci contraffatte sono vere e proprie reti criminali ramificate e molto organizzate, contro cui il governo non farà assolutamente niente dal momento che si concentrerà, come al solito, a bastonare le ultime ruote del carro, ovvero i vu cumprà stranieri costretti a fare su e giù sulle spiagge assolate per vendere qualche braccialetto. Insomma al posto che risolvere i problemi si cerca di lanciarsi in affermazioni populiste volte a parlare ai bassi istinti della gente, in questo modo però, ovviamente, nessuno dei problemi in questione viene risolto. Come se non bastasse Alfano si dice un “moderato”, gli stessi moderati che utilizzano razzismo, paura e xenofobia per ottenere voto e consensi, al punto che forse il significato stesso della parola “moderati” probabilmente dovrebbe essere rivisto, almeno in Italia, dove al posto che analizzare scientificamente i problemi per arrivare a una risoluzione pratica si preferisce troppo spesso lanciarsi slogan che servono solamente a finire sulle carte patinate delle riviste. 

DC

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top