AMA. Speculazione edilizia nell’area del Centro Carni di viale TogliattiTribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

AMA. Speculazione edilizia nell’area del Centro Carni di viale Togliatti

Questa sera dalle 18.00 presso la libreria Rinascita (viale Agosta)  incontro-dibattito e raccolta firme per una delibera di iniziativa popolare che riporti il terreno del Centro Carni di viale Palmiro Togliatti a patrimonio pubblico.

Fonte: Oltremedianews

Trasformare e riqualificare sia il Complesso Centro Carni sia i Capannoni del Teatro dell’Opera.E’ questa la delibera di iniziativa popolare  per sollecitare la giunta Marino ad intervenire in una questione aperta già quattro anni fa’

Nel 2005, Risorse per Roma Spa elaborò un progetto di valorizzazione dell’area, progetto che “prevedeva in quell’area unanuova Centralità urbana con un mix funzionale pari al 45% massimo di residenze e al 55% di servizi pubblici e privati, e l’utilizzo dei fondi derivanti da parte dell’alienazione e dagli oneri concessori per la realizzazione di un palazzetto dello sport, di una grande biblioteca con spazi culturali ed espositivi, del sottopasso di Viale Togliatti incrocio Prenestina, diverde e impianti sportivi nelle aree tra Collatina e A24, di altri interventi di viabilità su Prenestina e strade locali” (Fonte: coordinamento popolare).

Nel 2009 il complesso fu conferito all’Ama per ottenere dei prestiti dalle banche e coprire una parte del deficit accumulato: un’azione speculativa che potrebbe portare ad oltre 400 mila mc di nuove residenze per 2.500 abitanti, con palazzi di 15 piani sul fronte Togliatti.

Così il Coordinamento Popolare ha deciso di sollecitare il Comune avviando l’iter di una “Delibera di Iniziativa popolare” avvalendosi dell’articolo 8 dello Statuto comunale con cui i cittadini romani (almeno 5000), possono esercitare il loro diritto di iniziativa sottoponendo la proposta all’Assemblea Capitolina e alla Giunta. La raccolta firma deve avvenire entro e non  oltre 3 mesi.

Possono firmare la proposta tutti i cittadini residenti a Roma iscritti alle liste elettorali e i non residenti che svolgono attività lavorativa o di studio (tramite autocertificazione).

Veronica Pavoni
Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top