Amnesty International. Usa colpevoli di crimini con l'uso dei droniTribuno del Popolo
venerdì , 21 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Amnesty International. Usa colpevoli di crimini con l’uso dei droni

Secondo un rapporto di Amnesty International gli ufficiali americani responsabili di aver realizzato gli attacchi di droni dovrebbero essere processati per crimini di guerra.

Nulla di nuovo sotto al sole ma, sulla base di un rapporto emesso da Amnesty International, sarebbe emerso come ufficiali americani andrebbero processati per crimini di guerra per aver ordinato attacchi coi droni che hanno provocato diversi morti tra i civili in Pakistan. Il rapporto è basato sull’analisi di 45 attacchi di droni tra il gennaio 2012 e l’agosto del 2013 nel Nord Waziristan, area maggiormente interessata dalla campagne dei droni. La ricerca è stata centrata su un caso particolare, quello del 68enne Mamama Bibi, ucciso da un drone americano lo scorso ottobre mentre raccoglieva vegetali con sua nipote. Indicativamente il rapporto è stato intitolato: “Chi sarà il prossimo?”, con un chiaro riferimento alla nipote della donna uccisa, miracolosamente sopravvissuta all’incidente. Il rapporto però racconta anche di un incidente del luglio 2012, quando 18 lavoratori, incluso un 14enne, sono stati uccisi nel villaggio di Zowi Sidgi con un doppio attacco. “Amnesty è seriamente preoccupata che questi e altri attacchi abbiano provocato morti illecite che possono costituire esecuzioni extragiudiziali o crimini di guerra“, si legge nel rapporto. Ma non solo, Amnesty ha sollevato il problema del bisogno di trasparenza, qualcosa che finora gli Stati Uniti sono sempre stati riluttanti a offrire. Il rapporto arriva proprio mentre la Casa Bianca sta subendo pressioni crescenti riguardo al suo programma di droni. Attualmente il premier del Pakistan, Nawaz Sharif, si trova negli Stati Uniti, dove dovrà discutere del problema droni direttamente con Obama. Venerdì il problema verrà affrontato nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. In un rapporto separato un’indagine delle Nazioni Unite ha inoltre rivelato di 33 attacchi di droni intorno al mondo, non solo in Pakistan, che hanno violato la legge internazionale provocando la morte di centinaia di civili.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top