Ancona. Disperati nascosti nei pullman morti per il calore | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 27 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ancona. Disperati nascosti nei pullman morti per il calore

Tragedia ad Ancona dopo due afghani sono morti  stipati dentro alcuni pullman che erano stati imbarcati a Patrasso. Una tragedia che però serve a fare luce sulle condizioni drammatiche nelle quali sono costrette a vivere le persone che cercano la salvezza a migliaia di chilometri dalla propria casa, e sulla quale grava l’ombra della criminalità organizzata.

Domenica 24 giugno sono stati arrestati i due autisti greci del pullman di turisti arrivato sabato 23 nel porto di Ancona a bordo di un traghetto della Grecia.  Dentro il pullman si trovavano ben 17 clandestini afghani, due dei quali non hanno retto alle privazioni e al calore del viaggio, e sono morti durante la traversata. I migranti erano nascosti in vani appositamente ricavati nell’automezzo e quindi gli autisti non potevano non sapere della presenza degli irregolari. Altri elementi a loro carico sono arrivate dalle dichiarazioni dei giovani afghani, i quali hanno fornito elementi molto utili alle indagini. Il pm titolare dell’inchiesta Irene Bilotta ha disposto l’autopsia sulle salme, che sarà effettuata nei prossimi giorni. Le autorità vorrebbero capire chi ci potrebbe essere dietro questi traffici di uomini verso l’Europa, e secondo le indagini potrebbe esserci un’organizzazione greco-afghana ancora attiva in questo senso. Secondo il medico legale comunque i due decessi sarebbero avvenuti grazie a un colpo di calore dal momento che i pullman erano stati piazzati vicino alla sala macchine della nave, che solitamente sprigiona un calore insopportabile. Una tragedia, quella di Ancona, che dovrebbe servire a puntare i riflettori sul traffico di persone e uomini attivo quasi quotidianamente e che mette a repentaglio la vita di decine e decine di disperati.

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top