Anonymous risponde ai recenti arresti: defacciato il sito del SIULPTribuno del Popolo
martedì , 23 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Anonymous risponde ai recenti arresti: defacciato il sito del SIULP

Si è fatta attendere solo per pochi giorni la risposta di Anonymous ai recenti arresti di alcuni hacker che in passato si erano resi protagonisti di attacchi al sito internet, e soprattutto al server mail, della Polizia di Stato.

Questa volta l’obbiettivo dei famosi hacker è stato il sito del SIULP (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia), che è stato completamente defacciato, la cui homepage è stata “arricchita” con un contenuto video del gruppo di hacker, in cui questi dichiarano di voler continuare la loro battaglia anche per coloro che sono stati arrestati.

Durante l’attacco, il gruppo di hacker ha sottratto e pubblicato 16000 credenziali ed identificativi di membri del SIULP.

Questo è il testo che compare in homepage assieme al video:

Salve, pedine dello Stato.

Dopo le innumerevoli e gradite attenzioni ricevute dalla stampa in seguito alla vile azione del 17 maggio, vogliate apprezzare anche le nostre.

L’oppressione perpetrata verso i nostri fratelli è la scintilla che accende il fuoco della vendetta.

Prendetene atto: non avete demolito il movimento; avete solo dato l’ennesima dimostrazione di come la vostra vita sia manovrata da due parole chiave: repressione e profitto.

Non riuscirete a inquinare il terreno dove sbocciano ideali.

Siamo sempre qui, più furiosi che mai, pronti a smascherarvi.

Continueremo a portare avanti le nostre battaglie anche in nome di chi ci è stato strappato.

I loro ideali e il loro spirito combattivo risuonano in ogni nostra azione.

Questo è solo l’inizio:

Noi siamo Anonymous

Coloro che non moriranno mai,

aspettateci.

SIC SEMPER TYRANNIS.

VAI SULLA PAGINA FACEBOOK DEL TRIBUNO

A.Assorgia

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top