Appello per una giornata nazionale contro la guerra il 2 giugnoTribuno del Popolo
giovedì , 25 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Appello per una giornata nazionale contro la guerra il 2 giugno

L’articolo 11 della Costituzione proclama il ripudio della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali. Nella realtà, il coinvolgimento dell’Italia negli scenari della “guerra globale” è crescente e multiforme: dalla partecipazione dirette nelle missioni militari , alla concessione delle basi militari in territorio italiano alle guerre USA e NATO nel Mediterraneo e nel Medio-Oriente, non trascurando l’aumento folle delle spese militari per l’ammodernamento dell’arsenale bellico.

Insomma, tutta la politica estera del nostro paese è intrisa della scelta bellica, con una chiara responsabilità in devastazione e massacri sempre meno occultabile. L’Italia permane il solido alleato di potenze straniere apertamente impegnate in politiche di aggressione contro stati sovrani e popolazioni civili inermi. Ciò avviene per Israele contro la Palestina e l’Arabia Saudita contro lo Yemen, o con il sostegno agli “amici della Siria” coalizione complice degli jiadisti ( Contro cui combatte l’eroica resistenza curda), ma anche in Europa con il sostegno ai golpisti internamente alleati ai nazisti al potere in Ucraina e in guerra contro le autoproclamate repubbliche indipendenti ed antifasciste.
ALLORA E’ ORA DI MOBILITARSI AFFINCHE’ L’ITALIA ESCA DALLA SPIRALE DI GUERRA IN CUI E’ IMMERSA

Lo scenario della competizione economica, industriale, commerciale, finanziaria deborda sempre più frequentemente in guerra militare, ponendo in fibrillazione gli istituti politici e militari sopravvissuti alla guerra fredda, ONU E NATO in primis, il primo, incapace di fungere da camera di compensazione delle forze in campo; la seconda, diventata una alleanza di guerra proiettata ad invadere territori di paesi sovrani.

La costituzione dell’Unione Europea , in quello che comunemente si definiva come il campo occidentale, in veste di competitore globale e portatore di interessi materiali non sempre armonizzabili con quelli della superpotenza USA è l’aspetto peculiare con cui il movimento contro la guerra è chiamato a confrontarsi.

La distruzione e la conseguente tribalizzazione delle entità statali in Iraq, Libia, Siria rispondono ad un preciso disegno di dominio geo-strategico perseguito dagli USA in proprio o in ambito NATO, che lascia sul campo i suoi frutti avvelenati principalmente ai suoi “alleati europei”, vedi situazione in Libia, dove il nostro paese è storicamente coinvolto.

La guerra era e resta sempre solo strumento di distruzione e morte ; le devastazioni di intere regioni, i crimini perpetrati contro moltitudini di esseri umani la cui unica colpa e quella di essere nati nelle “parti sbagliate” del globo hanno visto il proliferare di meccanismi di sostegno ideologico agli interventi militari e di mistificazione della loro reali motivazioni, sotto la coltre della guerra umanitaria e di liberazione dai regimi tirannici, operazioni alimentate in modo presocchè unanime da tutto il mondo dell’informazione occidentale. Nel nostro paese inoltre l’assunzione piena della legittimità della “guerra umanitaria o per l’estensione della democrazia” nell’orizzonte politico della maggiore forza politica di derivazione progressista, il partito democratico, ha indebolito notevolmente la diffusione di analisi critiche di stimolo alla mobilitazione di massa contro la guerra, che per decenni ha rappresentato una prerogativa dei movimenti.

Allora riannodare le reti della solidarietà e della denuncia che, pur in condizioni di difficoltà, sono attive può essere il punto di rilancio del movimento contro la guerra: dalla denuncia dell’ignavia della politica di fronte alla tragedia quotidiana degli annegamenti dinanzi alle nostre coste di derelitti in fuga dalla guerra ( di cui il nostro paese è direttamente responsabile); alla contestazione di tutta la politica estera italiana e dei processi di militarizzazione dei nostri territori ( da ultimo il MUOS in Sicilia).

Comitati di solidarietà internazionali con le vittime delle guerre e comitati territoriali impegnati in battaglie contro la presenza delle basi militari, delle armi di distruzione di massa e delle politiche di incremento delle spese belliche possono costituire la base materiale per la ricostruzione del protagonismo di massa contro la guerra.

Il 2 giugno data della festa della Repubblica, può essere l’occasione per promuovere una giornata di mobilitazione nazionale contro la guerra, articolata nelle realtà territoriali, concepita come contraltare alla parata militare sui Fori Imperiali, rimettendo al centro dell’attenzione il carattere pacifista e antifascista della nostra Costituzione.

Una giornata che si svolga in ogni luogo d’Italia con le iniziative ritenute idonee, presidi, volantinaggi marce, ecc., in prossimità di luoghi simbolo della militarizzazione e delle vittime delle politiche belliciste, caserme, CIE, CPT.

Costruiamo la giornata nazionale contro la guerra!
L’Italia ripudia la guerra e i guerrafondai!!!

RETE NOWAR
COLLETTIVO MILITANT
RETE DEI COMUNISTI
COMITATO CON LA PALESTINA NEL CUORE
COMITATO PER IL DONBASS ANTINAZISTA
PARTITO COMUNISTA D’ITALIA
ROSS@

Fonte: Mrx21.it

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top