Assad chiede scusa ad Ankara per aver abbattuto il jet turco | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 20 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Assad chiede scusa ad Ankara per aver abbattuto il jet turco

Il presidente siriano Assad ha concesso un’intervista a un quotidiano turco per chiedere scusa ad Ankara per l’abbattimento del jet turco che rischiava di scatenare una vera e propria guerra. Il presidente siriano ha poi fatto capire che riterrebbe coinvolto Israele nella vicenda.

Il presidente Bashar al-Assad ha concesso un’intervista al giornale turco Chimhuriyet per chiedere ufficialmente scusa ad Ankara per l’abbattimento del jet turco avvenuto in acque territoriali siriane nei giorni scorsi che stava per scatenare una vera  e propria guerra tra Siria e Turchia. “Abbiamo appreso che l’aereo apparteneva alla Turchia dopo che è stato abbattuto. Io posso dire al cento per cento che se lo avessimo saputo prima non lo avremmo abbattuto”, ha detto Assad al quotidiano turco. Il presidente siriano ha poi direttamente accusato Israele della vicenda:”L’aereo stava attraversando un corridoio solitamente utilizzato altre volte prima da aerei israeliani. I soldati lo hanno abbattuto perchè non lo abbiamo visto nei nostri radar e perchè non ci era stata fornita alcuna informazione”, ha aggiunto Assad, “Anche se ovviamente io sarei stato felice se si fosse trattato di un aereo israeliano”. Dal conto suo Ankara i giorni dopo l’abbattimento del jet ha dichiarato che stava effettuando dei test di volo e ha accusato Damasco di aver abbattuto l’aereo in uno spazio aereo internazionale. Assad ha comunque assicurato al giornale che se la Turchia dovesse aver ragione nell’aver individuato il corretto luogo dell’attacco, allora la Siria non esiterebbe un istante a chiedere ufficialmente scusa ad Ankara. “Noi non permetteremo alle tensioni di trasformarsi in aperti combattimenti tra i due paesi”, ha assicurato Assad. Cumhuriyet non ha specificato quando sarebbe stata concessa l’intervista, ma nel corso della stessa Assad ha fatto riferimento al meeting internazionale di sabato sulla Siria, nel quale verrà proposto un nuovo piano di transizione per il martoriato paese. Insomma dal punto di vista prettamente diplomatico le dichiarazioni di Assad potrebbero essere viste come tese a migliorare i rapporti molti tesi con Ankara che rischiavano di aprire un nuovo fronte esterno.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top