Balotelli, il capro espiatorio di una nazione ?Tribuno del Popolo
martedì , 24 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Balotelli, il capro espiatorio di una nazione ?

Raramente ci occupiamo di calcio, questa volta però vogliamo fare una eccezione. Dopo la vergognosa eliminazione degli #Azzurri dal Mondiale brasiliano, i media si lanciano compatti contro Mario Balotelli, assurto a capro espiatorio e a simbolo del fallimento. A noi Supermario non è mai stato simpatico, ma pian piano i media italiani cominciano a farcelo piacere…

Non ci occupiamo mai di calcio per scelta dal momento che esistono migliaia e migliaia di portali, siti, giornali, dedicati quasi integralmente al calcio. Il calcio però ci piace, pur criticando ovviamente la vergognosa pioggia di miliardi che gravita intorno a esso non siamo tra quelli che “fa figo” chiamare lobotomizzati gli italiani che al posto che interessarsi di politica corrono dietro a un pallone. Il calcio è un bello sport, e il fatto che intorno a esso girino milioni e milioni non è altro che la conferma di quello che abbiamo sempre sostenuto, ovvero che il calcio è uno “specchio” della società. A una bella società insomma, corrisponderà un mondo sportivo sano, equilibrato, utile alla crescita collettiva e individuale. Ovvio che in un mondo malato dove l’unico valore imposto è quello del denaro e dell’individualismo sfrenato, ci ritroviamo a osservare ragazzi milionari correre dietro a un pallone, ignorando che questo è l’inevitabile sbocco che hanno gli sport di massa nel mondo della globalizzazione e del capitalismo sfrenato e globale.  Questa piccola premessa la facciamo per dire che noi le partite le guardiamo tutte, e senza vergognarcene dal momento che il calcio ci piace, e ci divertiamo a guardarlo. Così mentre gli italiani sono ipnotizzati davanti alla tv, ce ne sono altri che invece martellano con i loro giudizi altrettanto miopi, respingendo in toto il calcio come sport il che significa non voler semplicemente accettare la realtà e vivere in un altro mondo, rinunciando a comprendere come mai questo sport di squadra appassiona miliardi di persone in tutto il mondo. Verrebbe da dire che costoro dovrebbero attaccare il capitalismo di cui questo calcio è il riflesso piuttosto che il calcio in sè, ma ci rendiamo conto che è un concetto non così semplice da spiegare.

Ma veniamo a noi. Gli azzurri sono stati eliminati in modo meritato e vergognoso dai Mondiali brasiliani, e su social network e siti la stragrande maggioranza degli utenti e dei giornalisti ha scelto il suo capro espiatorio: Supermario Balotelli. Ricco, arrogante, probabilmente viziato e di colore, Balotelli è il prototipo perfetto del capro espiatorio. I giornali mettono in prima pagina tutto quello che fa, ed è giusto direbbe qualcuno dal momento che si tratta di un miliardario. Gli italiani non se lo sono fatti ripetere e hanno scelto lui come emblema della disfatta, come se gli altri azzurri avessero invece giocato un bel campionato del Mondo. Noi le partite le abbiamo viste, e non ci siamo divertiti per niente anche se forse le uniche cose belle ce le ha fatte vedere proprio Supermario contro l’Inghilterra (gol e traversa). Tutto questo per dire che cosa? Che non ci interessa assolutamente difendere Balotelli, che evidentemente avrà il suo pessimo carattere e tutti i difetti di questo mondo, quanto evidenziare come funzionano i media italiani, sempre pronti a trovare personaggi da trattare alla “Sbatti il mostro in prima pagina”. Così si preferisce attaccare Balotelli, ma non il sistema-calcio che ha prodotto scandali miliardari, evasione fiscale, corruzione e quant’altro, si preferisce attaccare Balotelli piuttosto che criticare il modello sociale cui Supermario si è semplicemente allineato, quello delle macchine sportive dei comportamenti sopra le righe e della ricerca dello scandalo. Balotelli è semplicemente figlio del calcio italiano, e non è nemmeno detto che sia il peggiore.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/calciostreaming/14006901964/”>calciostreaming</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/”>cc</a>

GB

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top