Berlusconi nei guai: condannato a quattro anni di carcere per il caso MediasetTribuno del Popolo
lunedì , 24 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Berlusconi nei guai: condannato a quattro anni di carcere per il caso Mediaset

Nessuno sconto dalla Corte d’appello di Milano che ha ritenuto colpevole Silvio Berlusconi nel processo d’appello sui diritti tv Mediaset. Il Cavaliere è stato condannato a quattro anni di carcere e a cinque di interdizione dai pubblici uffici. 

Photo Credit

E’ arrivata la sentenza della  Corte d’appello di Milano che ha ritenuto Silvio Berlusconi colpevole di una frode fiscale da 7 milioni di euro realizzata nel biennio 2002-2003. Il collegio presieduto da Alessandra Galli, titolare del processo d’appello sui diritti tv di Mediaset, ha confermato la condanna di quattro anni  già inflitta in primo grado all’ex presidente del consiglio (pena ridotta a un anno per effetto dell’indulto). Silvio Berlusconi era stato accusato di aver artificiosamente gonfiato i prezzi dei diritti tv e cinematografici acquistati da Mediaset presso le principali majors americane, e soprattutto di aver costituito fondi neri all’estero per beffare il fisco italiano. Dopo la sentenza di primo grado sui diritti tv e quella sul passaggio di mano dell’intercettazione Fassino-Consorte, per il leader del Pdl è il terzo verdetto di condanna arrivato dai giudici milanesi in poco più di sei mesi: il primo che l’ex presidente del consiglio subisce in un processo d’appello. Subito dopo la sentenza è arrivata la solita “lagna” degli avvocati del Cavaliere, Niccolò Ghedini e Piero Longo: “Si tratta di una sentenza assolutamente scontata considerati i toni e i modi utilizzati dai giudici nella conduzione del processo“. Inutile però vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso, siamo curiosi di vedere in che modo Berlusconi ce la farà anche questa volta ad aggirare la giustizia e ad evitare il carcere…

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top