Bolivia. Morales sta vincendo la lotta alla povertà | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 24 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Bolivia. Morales sta vincendo la lotta alla povertà

Mentre l’Occidente arranca tra le sacche della crisi il presidente boliviano Evo Morales ha reso noto che tra il 2006 e il 2011 il suo governo  ha ridotto l’estrema povertà di oltre il 19%.

Non saranno dati tali da impressionare la Bce e l’Fmi quelli diffusi dal presidente della Bolivia Evo Morales, tuttavia sono dati di notevole interesse per la gente comune dal momento che il governo di La Paz è riuscito a diminuire di oltre il 19% la povertà estrema del Paese in soli 5 anni (dal 2006 al 2011). La povertà estrema in Bolivia è stata infatti ridotta di oltre 19 punti percentuali dagli sforzi del governo, e il prossimo obiettivo dichiarato è quello di proseguire su questa strada togliendo da questa situazione altre centinaia di migliaia di boliviani. Morales ha presentato giovedì il suo resoconto economico e sociale della situazione del Paese durante la sua gestione di quasi sette anni, un lasso di tempo in cui oltre 600.000 boliviani delle aree rurali hanno innalzato il loro stato sociale uscendo dalla povertà estrema, mentre altri 400.000 sono riusciti a venire fuori da una situazione di povertà moderata, pur sempre povertà. Proprio la povertà moderata del paese nello stesso periodo infatti, è diminuita dal 76 al 64%, un risultato straordinario per cui nessuna organizzazione mondiale ha fatto i complimenti a Morales. ” Questo processo è un cammino senza ritorno“, ha detto Morales, “noi abbiamo anche una grande responsabilità nei confronti dei settori sociali più abbandonati“, ha sottolineato, esortando i boliviani a “non fermare mai questo processo rivoluzionario di cambiamento”. Morales ha paragonato il suo operato a quello dei governi conservatori e moderati che lo hanno preceduto nel periodo tra 1996 e 2006, ricordando come in quel periodo, quando era entrata in vigore la Legge dell’Istituto de Reforma Agraria (Inra), la Bolivia possedeva appena nove milioni di ettari di terra produttiva, poco più dell’8% del totale nazionale di oltre 106 milioni di ettari. Attualmente il governo è riuscito a portare a 55 milioni gli ettari produttivi, un traguardo straordinario, ottenuto in poco tempo. Il governo ha anche difeso a spada tratta le nazionalizzazioni operate negli anni scorsi, soprattutto nel settore minerario, come ad esempio successe nel 2007, quando La Paz ha espropriato una filiale locale della canadese South American Silver in quanto la compagnia non aveva mai sottoscritto un contratto di concessione con lo Stato boliviano.

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top