Bossi Shock: "Un giorno serviranno le armi"Tribuno del Popolo
lunedì , 29 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Bossi Shock: “Un giorno serviranno le armi”

Ennesima provocazione della Lega Nord con Umberto Bossi che ha gettato ancora una volta benzina sul fuoco, alimentando la tensione evocando foschi scenari.

C’è chi come lavoro fa il pompiere, altri invece svolgono la professione di incendiari, e sicuramente gli esponenti del Carroccio fanno parte di questa seconda cerchia. Ne sa qualcosa Umberto Bossi, uno che gode della totale impunità visto che già in passato ha detto cose vergognose senza pagarne alcuno scotto. Questa volta Bossi è andato persino oltre: Per fortuna che in Valtrompia ancora si producono le armi, un giorno serviranno“. Questo l’intervento del Senatùr intervenuto in un comizio a Sarezzo, in provincia di Brescia, rispondendo ad alcuni militanti del Carroccio. Come al solito Bossi ha giocato a fomentare la folla, accusando un pò tutti con toni decisamente inadeguati alla tensione del momento. Dovremo stare attenti a cosa succederà a settembre”, ha avvertito in modo sinistro per poi rendere nota la sua amicizia nei confronti di Silvio Berlusconi: Mi sto accorgendo che Berlusconi gode della stima della gente perché in tanti pensano che la magistratura abbia esagerato. Silvio è un perseguitato”. A far partire la vena del Senatùr però è stato il tema dell’abolizione delle provincie, tema che lo ha portato persino a invocare la rivolta armata, e non è la prima volta. Noi ai soffiatori sul fuoco della destra italiana, e in particolare del Carroccio, vorremmo fare una semplice domanda: siete sicuri che gli italiani useranno le armi per la Padania? E soprattutto, cosa bisogna fare per pretendere un intervento delle istituzioni volto a moderare i toni inaccettabili della Lega Nord? E’ davvero possibile che godano dell’impunità plenaria?

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top