Brasile. Arrivano i prestiti per arredare casaTribuno del Popolo
domenica , 28 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Brasile. Arrivano i prestiti per arredare casa

Interessante politica varata dal Brasile di Dilma Rousseff che elargirà prestiti per l’equivalente di 1,750 euro da spendere in mobili ed elettrodomestici a coloro che hanno ricevuto case dal governo.

Photo Credit

Dilma Rousseff ha deciso di varare un’iniziativa davvero interessante: finanziare direttamente i cittadini brasiliani che hanno ottenuto un alloggio dal governo con 1,750 euro per favorire l’acquisto di migliorie domestiche come mobili ed elettrodomestici. Il programma sociale si chiama “Minha casa melhor” e sarà realizzato attraverso una linea di credito di 6,5 miliardi di euro e consentirà l’acquisto di divani, sedie, letti, lavatrici, frigoriferi, cucine, televisori digitali e computer.Il credito, di cui beneficeranno quasi quattro milioni di famiglie, avrà un interesse annuo del 5% e una durata di due anni per la sua estinzione. Normalmente in Brasile gli interessi commerciali hanno un tasso annuo medio del 62%. Oltre ad avere interessi bassi, il programma offre uno sconto del 5% in 13.000 negozi elencati dal governo, e dà un limite al valore di ogni prodotto. Un divano, ad esempio, non potrà costare più di 130 euro, e un frigorifero non più di 380 euro. Il programma era già stato annunciato ad aprile, dopo che la Rousseff si era recata in visita a un complesso residenziale. Rousseff visitava un appartamento “modello”, ma entrando in altre abitazioni si era resa conto che gli immobili venivano consegnati senza piastrelle al suolo. Anche per questi motivi è nato Minha casa melhor. Il programma arriva in un momento in cui la popolarità della presidente è stata lievemente danneggiata da un picco dell’inflazione, e in un periodo in cui, con i Mondiali di calcio ormai imminenti, gli occhi del mondo sono tutti sul Paese carioca. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top