Brasile. Rivolta per aumento dei biglietti del busTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Brasile. Rivolta per aumento dei biglietti del bus

Brasile nel caos dopo che si sono scatenate violente manifestazioni a Rio de Janeiro e San Paolo a seguito dell’aumento dei prezzi dei trasporti pubblici.

Con gli imminenti Mondiali di calcio del 2014 e con le future Olimpiadi che si terranno in Brasile, il paese carioca è sulla cresta dell’onda, e non da ora. Dietro il Pil crescente e le spiagge patinate però si nasconde anche un Brasile meno felice, e non potrebbe essere altrimenti dato che il gigante sudamericano presenta pesanti contraddizioni e non ha ancora risolto alcuni dei problemi interni più importanti. Anche per questo la popolazione di Rio de Janeiro e di San Paolo ha scatenato una violenta rivolta contro l’aumento dei prezzi dei trasporti pubblici, duramente repressa dalla polizia che ha sparato anche proiettili di gomma senza riguardo nemmeno per i giornalisti. Almeno 55 persone sono rimaste ferite, mentre oltre 160 sono state arrestate, a tre giorni dall’inizio della Confederations Cup. Il Brasile ha dunque voluto mostrare al mondo di essere capace di gestire l’ordine pubblico, reprimendo senza usare i guanti di velluto una protesta scoppiata per l’esasperazione di veder aumentare del 7% i biglietti di autobus, treni e metro. A Rio circa 3000 persone sono scese in piazza, mentre altre migliaia sono scese in piazza a Goiania, nel centro-ovest del Paese, dove la compagnia di trasporti locale ha sospeso l’aumento delle tariffe.  Già martedì scorso 5mila persone avevano manifestato sull’Avenida Paulista, la principale arteria di San Paolo, provocando danni ingenti: dozzine di autobus incendiati, vetrine frantumate, persino bombe molotov. I danni ammonterebbero già a 50mila dollari.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top