Burgos. Il quartiere operaio si ribellaTribuno del Popolo
mercoledì , 18 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Burgos. Il quartiere operaio si ribella

Burgos. Il quartiere operaio si ribella

Esplode la rivolta di Gamonal, ex municipio indipendente diventato quartiere operaio di Burgos. Centinaia di abitanti sono scesi in piazza contro l’amministrazione comunale di destra e si sono registrati pesanti scontri nella notte.

Gamonal, ex municipio indipendente è diventato negli ultimi tempi un quartiere popolare e operaio della cittadina castigliana di Burgos. Questa città da qualche giorno ha visto al suo interno fermentare una rivolta vera e propria dei cittadini nei confronti dell’amministrazione comunale di destra, rea di aver scelto di gentrificare, ovvero di rendere accessibili ai più ricchi, diverse vie del quartiere sperperando oltre otto milioni di euro che secondo i comitati potrebbero essere utilizzati per i servizi sociali barbaramente tagliati. Il sindaco di Burgos del resto è stato fin troppo chiaro dicendo chiaramente che nessuna manifestazione riuscirà a impedire la decisione della giunta di ultimare i lavori nel quartiere di Gamonal. In realtà però le proteste vanno avanti da oltre una settimana, anche se a parte gli scontri con la polizia le proteste non sono servite a impedire i lavori per il “boulevard” e per il megaparcheggio sotterraneo, anche se perlomeno sono riusciti a ritardare l’arrivo di gru e scavatrici ritardando così anche l’inizio dei lavori. Proprio il cantiere è stato attaccato diverse nelle scorse notti da manifestanti, che hanno anche preso d’assalto banche e arredi urbani realizzando barricate improvvisate per rallentare le cariche della polizia. E mentre nella notte le proteste diventano vere e proprie sommosse con tanto di scontri, di giorno i manifestanti distribuiscono materiale e organizzano cortei e presidi per informare la cittadinanza. Al cantiere ci sono sempre decine e decine di persone che controllano che non comincino i lavori, e persino gli studenti hanno voluto supportare la protesta con uno sciopero per mobilitare tutti a difesa del quartiere e per chiedere fondi per i servizi pubblici. La scorsa notte a Gamonal i più giovani sostenevano duri scontri con la polizia mentre i più vecchi, con mestoli e pentole, improvvisavano un rumoroso corteo di contestazione nei confronti del sindaco. Nella giornata di ieri erano oltre 5000 i manifestanti che si sono radunati di fronte al commissariato della Polizia Nazionale contestando la scelta della costruzione del boulevard, e poi hanno indetto una assemblea popolare improvvisata per chiedere la fine della repressione e la scarcerazione dei circa 40 abitanti precedentemente arrestati a seguito della protesta. Anche il principale quotidiano della città, il Diario de Burgos, appartiene all’impreditore Miguel Mèndez Pozo, un magnate locale che possiede altri nove quotidiani e due radio. Guardacaso proprio Pozo, già condannato nel 1994 a 7 anni di carcere per aver prodotto documenti falsi per aggiudicarsi appalti pubblici a Burgos, ha interessi nell’edificazione del boulevard a Gamonal.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top