Burkina Faso. L'Unione Africana prova a lavorare per una transizioneTribuno del Popolo
sabato , 23 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Burkina Faso. L’Unione Africana prova a lavorare per una transizione

Dopo la cacciata del tiranno Blaise Compaorè lo scorso 31 ottobre il potere è in mano ai militari e la transizione democratica sembra procedere piuttosto lentamente. Il presidente dell’Unione Africana, ovvero il premier della Mauritania Mohamed Ould Abdel-Aziz, è in Burkina Faso per favorire la pacificazione. 

Il 31 ottobre Blaise Compaorè, l’assassino di Thomas Shankara, veniva costretto ad abbandonare il Burkina Faso per la propria incolumità. Era la fine di un regime che perdurava ormai da decenni anche se la transizione verso la democrazia si annuncia più difficile del solito. Il potere infatti è attualmente nelle mani delle forze armate, e in questa fase niente è scontato per capire cosa succederà nei prossimi giorni e mesi. Attualmente il presidente di turno dell’Unione Africana,  il capo di Stato della Mauritania Mohamed Ould Abdel-Aziz, si trova nella Capitale Ougadougou dove ha incontrato l’opposizione, la società civile ma anche Isaac Zida, ovvero il militare che a oggi detiene il potere in Burkina Faso. “Siamo qui per accompagnare i nostri fratelli burkinabè, affinché possano da soli trovare una soluzione ai problemi del paese” ha detto Abdel-Aziz, cercando così di abbassare la tensione dopo che erano state lanciate minacce di sanzioni nel caso la guida del paese non fosse tornata in mano civili entro due settimane. Si procede dunque a piccoli passi verso la transizione civile anche se il programma sin qui elaborato dall’opposizione non sarebbe piaciuto più di tanto a Zida, che avrebbe fin qui tirato il freno dal momento che il testo prevede l’elezione di una commissione ad hoc del presidente ad interim, del primo ministro e di un governo di 25 membri con un Parlamento di 90 nella quale saranno in minoranza l’ex maggioranza e i militari. Il disegno deve ancora essere approvato ma in ogni caso le prossime settimane saranno cruciali per comprendere che cosa succederà nel piccolo paese africano che fu di Shankara e che con una grande mobilitazione di piazza è riuscito a scrollarsi di dosso Compaorè. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top