Cgil:4,4 milioni di persone in Italia sono sofferenti | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 18 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Cgil:4,4 milioni di persone in Italia sono sofferenti

Secondo la Cgil nel secondo trimestre sarebbero 2,7 milioni i disoccupati censiti dall’Istat cui andrebbero aggiunte 1.687.000 persone tra scoraggiati e cassaintegrati. 

Mario Monti sostiene che la crisi sia ormai in procinto di essere lasciata alle spalle,ma non è così per 4,4 milioni di italiani che, secondo la Cgil, sono in sofferenza reale.Secondo la Cgil nello stesso periodo del 2007, quindi nel periodo pre-crisi, si trovavano nell’area del disagio occupazionale 2.475.000 persone. L’aumento perciò negli ultimi 5 anni è stato del 77%. Il dato è stato divulgato dopo uno studio della Ires che ha sottolineato come nel nostro Paese il fenomeno dell’inattività rappresenti una voce preoccupante molto più rispetto al resto dell’Europa. All’interno dell’area dei cosiddetti inattivi “si trova una parte rilevante di esclusi dal mondo del lavoro non formalmente riconosciuti come disoccupati. Sarebbe altrimenti inspiegabile un tasso di disoccupazione nella media e un tasso di occupazione molto più basso di quello europeo“. Ma chi sono questi inattivi? sono persone ormai stanche di delusioni e ricerche a vuoto e sarebbero qualcosa come tre milioni di persone che hanno deciso di non cercare nemmeno più un impiego. Tra gennaio e luglio del 2012 i disoccupati in Italia sono aumentati di 292.000 unità passando dai 2.472.000 a 2.764.000 unità. Nello stesso periodo l’Ue nel complesso ha registrato 881.000 disoccupati in più: è quanto risulta da elaborazioni della Cgil su dati Istat e Eurostat. In sostanza dati di disoccupazione alla mano in molti hanno sempre pensato che l’Italia fosse messa meglio rispetto ad altri paesi, ma andando a considerare gli inattivi, le cose cambierebbero radicalmente.

VAI SULLA PGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top