Chi ha autorizzato Ankara a bombardare la Siria?Tribuno del Popolo
martedì , 23 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Chi ha autorizzato Ankara a bombardare la Siria?

Secondo il ministero della Difesa russo l’artiglieria di Ankara ha lanciato una fitta serie di attacchi contro le forze di Damasco e i curdi nella parte settentrionale della Siria e nella provincia di Aleppo. Eppure i media continuano a dare spazio solamente alle veline di Ankara e Washington, ignorando quello che accade sul campo, ovvero che un paese sta violando apertamente la sovranità di un altro paese senza pagare alcuna conseguenza.

Fino a prova contraria un paese non può decidere autonomamente di invadere un altro paese. O meglio può farlo ma assumendosene le conseguenze del caso, del resto non fu forse l’invasione del Kuwait il casus belli per bombardare Saddam nella Prima Guerra del Golfo? Eppure la Siria sembra fare caso a sè in quanto la comunità internazionale a guida Usa sembra particolarmente cieca e sorda quando si tratta di parlare delle azioni di Ankara tanto in politica interna, quanto in politica estera. Così il fatto che la Turchia stia bombardando a colpi di artiglieria le forze di Damasco al confine e i curdi nella parte nord della Siria appare del tutto normale ai media che mai aprirebbero in prima pagina mettendo le foto degli edifici sbrecciati dalle bombe turche. Eppure basta che una velina di Ankara o Washington accusi Mosca o Damasco per qualcosa che tutti i media del mainstream accorrono mettendo tali veline in prima pagina, e le voci contrarie che suggeriscono maggiore prudenza vengono subito travolte da un profluvio di indignazione. Così i turchi possono continuare a bombardare i curdi, tanto in Turchia quanto in Siria, e nessuno presterà ascolto al dispaccio del portavoce del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov, il quale (Fonte Sputnik) ha detto senza mezzi termini: “Dalla fine della scorsa settimana, la Turchia ha dato il via a una massiccia serie di attacchi con pezzi d’artiglieria di grosso calibro sulle forze governative siriane e sull’opposizione patriottica nelle regioni di confine . Oltre 100 salve hanno preso di mira località nella provincia di Aleppo“. Per il semplice fatto che è una fonte russa dunque i nostri media non la ritengono una fonte attendibile, al contrario fonti turche, saudite, qatariote e americane vengono ritenute attendibili e corrette.

Photo Credit

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top