Cina e Giappone ad "alta tensione"Tribuno del Popolo
giovedì , 19 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Cina e Giappone ad “alta tensione”

Cina e Giappone ad “alta tensione”

Giappone e Cina hanno convocato i reciproci ambasciatori proprio mentre la tensione sale alle stelle per la zona di difesa aerea decretata sabato da Pechino e che include alcune isole rivendicate anche da Tokyo.

In Asia la situazione è tutto tranne che calma, soprattutto perchè tra Giappone e Cina permangono alcune questioni irrisolte e che rischiano da un giorno all’altro di far saltare il banco, letteralmente. Già per le isole Senkaku negli scorsi mesi i due paesi erano quasi arrivati alla rottura diplomatica, ora la questione è stata sollevata dalla decisione di Pechino di includere in una zona di difesa aerea proprio le isole rivendicate da Tokyo. Ieri l’ambasciatore cinese Cheng Yonghua è stato convocato nella capitale nipponica dal vice ministro degli Esteri giapponese Akitaka Saiki, poche ore dopo che il premier giapponese Shinzo Abe definisse “pericolosa” la decisione presa dalla Cina, riportano i media di entrambi i paesi. Quasi nello stesso momento il rappresentante nipponico a Pechino è stato convocato per esprimergli “il forte malcontento della Cina e la sua protesta solenne rispetto alle reazioni esagerate e irrazionali” di Tokyo in questo caso, ha riferito il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Qin Gang, in conferenza stampa. È totalmente fuori luogo il fatto che il Giappone faccia commenti irresponsabili sull’istituzione di una zona di identificazione aerea da parte della Cina”, ha aggiunto. A scatenare le proteste la decisione presa sabato dalla Difesa cinese di chiedere a qualsiasi velivolo che passi nella zona di identificazione di presentare un piano di volo dettagliato e mantenere le comunicazioni radio per “rispondere in maniera rapida e appropriata alle richieste di identificazione” delle autorità cinesi. Il ministero cinese ha diffuso la mappa di un’area che va dal Mar Cinese Orientale, tra Corea del Sud e Taiwan, includendo ovviamente le isole Senkaku, attualmente sotto controllo giapponese ma rivendicate da Pechino, che le chiama Diaoyu. Sono estremamente preoccupato perché è una cosa molto pericolosa che può portare ad un incidente imprevedibile”, ha detto ieri a riguardo Abe in senato. Insomma il timore è che la tensione possa alzarsi oltre il livello di guardia, rendendo possibile il determinarsi di un incidente tra le due potenze. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top