Cina. Un progetto per cancellare il debito dei paesi poveriTribuno del Popolo
giovedì , 25 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Cina. Un progetto per cancellare il debito dei paesi poveri

Si parla da decenni di aiutare i paesi poveri a svilupparsi ma rimangono avvinti nelle catene del debito che ne impedisce ogni possibilità di crescita. A questo proposito la Cina ha deciso di prendere il toro per le corna e di varare un piano che in 15 anni cancellerà il debito delle nazioni meno sviluppate. 

La stampa occidentale spesso non parla certo bene della Cina per via del rispetto dei diritti umani o dell’ambiente eppure da Pechino arrivano anche notizie molto positive che potrebbero avere ripercussioni per il futuro di molti paesi. Quello del sottosviluppo del Terzo Mondo è un tema antico e di difficile risoluzione, un tema su cui intellettuali e politici hanno speso fiumi di inchiostro ma che continua a rimanere acceso come non mai. Il debito è il principale ostacolo allo sviluppo di questi paesi che rimangono quasi avvinti da catene invisibili che ne inibiscono ogni possibilità di riscatto. La soluzione di Pechino a questo problema potrebbe arrivare concretamente, al punto che entro il 2030 il debito delle nazioni meno sviluppate e delle nazioni insulari potrebbe venire cancellato. Il governo della Cina ha infatti promesso ben due miliardi di dollari a beneficio dei paesi in via di sviluppo, e si è anche impegnata ad aumentare esponenzialmente gli investimenti in questo settore. Lo ha reso noto lo stesso presidente Xi Jinping nel corso del suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

Sulla base di quanto riferito dal presidente cinese la Cina dovrebbe investire 12 miliardi nei prossimi 15 anni e istituire migliaia di borse di studio oltre che più di 600 progetti di vario genere all’estero.“Se guardiamo al mondo, pace e sviluppo restano i due grandi temi della nostra epoca” ha detto il leader cinese, “Per affrontare queste sfide, incluso il recente flusso di rifugiati verso l’Europa, le soluzioni fondamentali sono la pace e il sostegno allo sviluppo”. Xi Jinping dunque mostra come il governo cinese non sia affatto chiuso a riccio come molti vorrebbero credere e fornisce soluzioni ai problemi globali cominciando ad aver assunto consapevolezza di essere uno degli attori fondamentali dello scenario internazionale. L’impegno della Cina nell’aiutare i paesi in via di sviluppo mostra inoltre come a Pechino abbiano un’idea di lungo periodo su come gestire la propria politica estera nei prossimi decenni, e si tratterebbe di una mossa che consentirebbe alla Cina di proporsi in modo credibile come riferimento internazionale in vaste aree del pianeta.

@Dc

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top