Cina. Varato piano anticorruzione | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 26 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Cina. Varato piano anticorruzione

Presentato ieri in Cina un vero e proprio piano di ristrutturazione che potrà consentire di dimezzare le agenzie governative e sciogliere il potente ministero delle Ferrovie. Efficienza e lotta alla corruzione sono le due parole d’ordine dei dirigenti del Paese. 

cina1

Anche in Cina la “semplificazione” e la lotta alla corruzione sono all’ordine del giorno. Le riforme previste dal governo di Pechino prevedono  la più grande riduzione del numero di ministeri dal 1998, quando l’allora primo ministro Zhu Rongji aveva avviato il processo di modernizzazione del consiglio di stato, e coincide con un periodo di forti preoccupazioni della popolazione in merito a trasparenza e sovrapposizioni di competenze. Anche per rispondere a questo bisogno di chiarezza, Pechino ha deciso di incorporare  la commissione per la Pianificazione Familiare -l’organismo che controlla la controversa politica del figlio unico – al ministero della Sanità, rafforzandone i poteri; questo secondo un rapporto della riunione annuale del parlamento riportato dalla stampa nazionale.Negli ultimi anni il ministero delle Ferrovie ha avuto svariati problemi, compresi forti indebitamenti per il finanziamento di nuove linee ad alta velocità, spreco di denaro e frode. Le ferrovie saranno ora gestite dal ministero dei Trasporti. Il governo ha promesso che aprirà il settore ferroviario agli investimenti privati su una scala senza precedenti. Il piano di semplificazione del governo ridurrà le agenzie governative a 25, dando così maggiori competenze alle autorità per la vigilanza su alimenti e medicine, in risposta a una serie interminabile di scandali sulla sicurezza dei prodotti.  I procedimenti giudiziari per la produzione e la vendita di cibi e farmaci falsi sono stati più di 8.000 nel 2012, ben cinque volte superiore di numero rispetto all’anno precedente, secondo un rapporto della procura generale diffuso nel weekend. Ma non è finita qui, anche gli organismi di sicurezza marittimi sono stati rivoluzionati dando all’Amministrazione Oceanica Nazionale la prerogativa del controllo di guardia costiera, pesca e polizia doganale. Inoltre, Pechino fonderà due organismi mediatici -l’Amministrazione generale della stampa e l’Amministrazione statale di Radio, Cinema e Televisione- e ristrutturerà l’Amministrazione nazionale dell’energia. L’ultimo passaggio sarà l’insediamento del nuovo presidente della Cina, Xi Jinping, mentre il designato premier Li Keqiang, assumerà il nuovo incarico una volta conclusosi il congresso annuale.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top