Comincia la "grande sagra" delle privatizzazioniTribuno del Popolo
sabato , 21 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Comincia la “grande sagra” delle privatizzazioni

Comincia la “grande sagra” delle privatizzazioni

Dopo gli scricchiolii del governo pare che sia stata accesa nuovamente la macchina delle privatizzazioni cui lavorerà l’apposito comitato legato al ministero dell’Economia.

Sono ormai mesi che anche noi proviamo a diffondere il messaggio che le privatizzazioni non serviranno a uscire dalla crisi e non sono un fatto positivo di per sè. Purtroppo però sembra che il nostro governo e le istituzioni abbiano altre idee dato che la grande macchina delle privatizzazioni pare si stia rimettendo in modo nuovamente. Esiste già un Comitato, legato al ministero dell’Economia, e il governo vorrebbe rimetterlo in condizioni di incedere grazie a un decreto che dovrà uscire da un Consiglio dei ministri. Il tema è stato affrontato in una riunione a palazzo Chigi cui ha preso parte anche il premier Letta assieme ad Alfano e al ministro dell’Economia Saccomanni accompagnato dai due viceministri Fassina e Casero. Sul tavolo anche un piano, “Destinazione Italia”, con il consueto nome altisonante, un piano che nella realtà prevede una nuova infornata di privatizzazioni al quale dovrebbe lavorare l’apposito comitato per le privatizzazioni legato al ministero dell’Economia. A rischio privatizzazione quindi diverse aziende e attività pubbliche, anche se sulla Rai il viceministro allo Sviluppo economico Antonio Catricalà ha assicurato che la tv pubblica non verrà privatizzata. Ovviamente sono molti che attendono di avventarsi sulla preda delle aziende statali, e attendono che arrivi il 2015, data in cui entrerà in vigore il Fiscal Compact. Motivo per cui persino Confidustria ha auspicato un ritorno dello Stato nell’economia, questo perchè esiste il timore che arrivino all’improvviso capitali e investitori stranieri che porterebbero via l’osso ai capitani d’industria italiani. Il comitato verrà guidato dal direttore generale del Tesoro Vincenzo La Via. In carica per tre anni, i componenti non riceveranno alcun compenso, cosi’ come avviene per il comitato nomine delle partecipate dello Stato.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top