Comunismo del XXI secolo. L'importanza di aggiornare i databaseTribuno del Popolo
giovedì , 14 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Comunismo del XXI secolo. L’importanza di aggiornare i database

La crisi economica fa arretrare i diritti dei cittadini e dei lavoratori di un secolo in tutto l’Occidente. Impossibile non vedere un nesso tra questo arretramento e la marginalità delle forze comuniste e di sinistra. Emerge quindi in tutto il suo spessore la necessità di aggiornare la proposta politica in modo da renderla adeguata ai tempi.

Photo Credit

Indipendentemente da quale sia l’idea politica di ciascuno, osservando quello che sta succedendo con la crisi emerge con nettezza un quadro ben preciso. I diritti dei lavoratori sono arretrati nel giro di pochi anni di diversi decenni, il Welfare State, lo Stato Sociale, è stato fatto a pezzi nel giro di pochissimo tempo dopo che ci sono volute lotte sociali e proteste epocali per riuscire a ottenerli. Senza più nessuna organizzazione politica e sociale a difendere queste conquiste delle classi popolari, è successo che le classi superiori hanno rinverdito la lotta di classe, portando un attacco mortale al sistema culturale faticosamente costruito nel tempo. Così il comunismo, il socialismo, sono diventate parole vuote, desuete, svuotate del collegamento sociale con le classi di riferimento, meri nomi che richiamano contenitori polverosi che i media presentano ormai come inutili, anacronistici, deleteri. E’ chiaro che sia così del resto, perchè mai chi ha tutto l’interesse che questo sistema economico e sociale si mantenga dovrebbe favorire i suoi avversari politici e sociali veicolando giudizi positivi nei confronti dell’esperienza comunista del XX secolo? Il nostro problema, noi che riteniamo che il comunismo abbia ancora molto da suggerire al miglioramento della condizione umana, è che i media e la cultura dominante ci hanno fatto ormai percepire come un corpo estraneo e che nulla ha più da dire alla modernità. Chi possiede i media e l’informazione tendenzialmente è anche in grado di influenzare la società, modificandone valori, credenze, aspettative. Provando a fare un paragone ardito sarebbe come cercare di rivaleggiare con un sistema operativo ultima generazione con un software sorpassato e vecchio di anni. Il problema delle idee marxiste/comuniste/anticapitaliste è che si rifanno a schemi vecchi, ancora validi ma che poco o nulla sono stati aggiornati e modellati per affrontare una società che negli ultimi decenni è cambiata radicalmente. Bisogna quindi, continuando la metafora, aggiornare i “database” del nostro sistema operativo, traducendo dei vuoti slogan (che per noi ovviamente non sono vuoti ma per la massa di persone che vorremmo raggiungere purtroppo sì) in rivendicazioni e modelli mentali che si possono sposare con il qui e l’oggi. Un lavoro di aggiornamento e di collegamento ai tempi che si è dato troppo spesso per automatico e scontato e che invece rappresenta un vulnus che minaccia di consegnare all’oblio un’intera stagione di lotte sociali. Non è tardi per cominciare un lavoro culturale che parta dall’orgoglio per le nostre idee per arrivare, con umiltà, a un tentativo di rendere queste idee nuovamente fruibili dalla maggioranza della popolazione per tentare di migliorare le proprie condizioni sociali e culturali. Le nostre idee, noi ne siamo certi, sono quelle giuste. Sono le uniche idee che abbiano mai davvero messo in discussione i principi che ispirano il capitalismo, e proprio per queste sono state così barbaramente smembrate e marginalizzate dal capitalismo ferito. Continuando la metafora informatica è come se avessero trovato “antivirus” di ultima generazione per spazzar via dal processore dell’umanità il “malware” del comunismo. Al posto che abbatterci e convincerci vent’anni dopo della sconfitta del comunismo basterebbe provare a rispondere colpo su colpo, creando un nuovo “malware” capace di adattarsi al nuovo processore, che poi funziona esattamente come il vecchio ma ha solamente un antivirus di ultima generazione.

Gracchus Babeuf

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top