Corea del Nord. Riforma agraria in arrivo | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
domenica , 26 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Corea del Nord. Riforma agraria in arrivo

Il governo di Pyongyang ha deciso di varare la prima riforma agraria della sua storia. Secondo le prime illazioni una volta varata la riforma i contadini potranno tenere per sè parte del raccolto, il 30 o il 50% del totale.

Rivoluzione in arrivo in Corea del Nord, paese arroccato a nord della Corea del Sud che è alle prese da qualche anno con una preoccupante emergenza alimentare. Pyongyang infatti fin dal 1990, data in cui ci fu una terribile carestia, importa ogni anno dalla Cina diverse tonnellate di grano e patate per sfamare la popolazione. Anche per invertire questa tendenza il governo della Corea del Nord ha deciso di varare la prima riforma agraria della sua storia. La notizia non è ancora ufficiale, anche se secondo diverse fonti locali l’Assemblea suprema del popolo avrebbe già deciso di accelerare in questa direzione, confermando la notizia anche ai media stranieri. I contadini quindi non saranno più costretti a consegnare tutto il raccolto allo Stato, ma potranno tenerne per sè una parte tra il 30 e il 50% per utilizzarla come sussistenza oppure per venderla nei mercati locali. Questa liberalizzazione dovrebbe spingere i contadini a produrre di più e meglio, risolvendo il problema dell’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità. Inoltre, si ridurrebbe la quantità di generi alimentari importati dalla Cina, che ammonta a circa 5 milioni di tonnellate all’anno. Il divieto a commerciare beni giapponesi, sudcoreani e americani invece rimarrà, nonostante tutto. Kim Jong-Un quindi sembra guardare con rinnovato interesse al modello cinese e avrebbe già cominciato a rendere operative alcune lievi riforme del monolite fondato dal grande padre della patria Kim Il-Sung alla fine degli anni Quaranta. A queste tenui riforme però il nuovo leader nord-coreano non ha accompagnato alcun revisionismo, semmai la sua volontà sembra essere quella di rendere maggiormente competitiva l’economia della Nord Corea in modo da riattivare settori economici differenti da quello militare, il settore prediletto da Pyongyang.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top