Crisi. Chi compra l'oro? | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 28 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Crisi. Chi compra l’oro?

Sono tempi di crisi in Europa e nel mondo. Ma mentre i governi tirano la cinghia, c’è anche qualcuno che compra oro, e tanto. Mosca e Pechino guidano la classifica dei compratori di oro.

Gold Ingots

Nel corso degli ultimi dieci anni la Banca Centrale russa ha comprato qualcosa come 570 tonnellate d’oro. Si tratta di una quantità enorme, pari a circa il triplo del peso della statua della Libertà americana, una somma che elegge Mosca come il primo compratore del nobile metallo al mondo. La somma è pari a circa un quarto in più rispetto alla Cina, almeno secondo quanto riportato da Bloomberg. Cina e Russia infatti sono due paesi che utilizzano le scorte di oro come possibile antidoto alla crisi della svalutazione del dollaro americano, diffidando della stabilità della Federal Reserve americana, e preferendo affidare le loro speranze proprio all’oro. Del resto il prezzo dell’oro negli ultimi 12 anni ha visto il proprio prezzo crescere, guadagnando il 12% nel solo 2012. Solo per fare un esempio attualmente l’oro viene venduto a circa 1650 dollari all’oncia; secondo specialisti ed addetti ai lavori  nel giro di meno di un anno il prezzo potrebbe raggiungere 1825 dollari all’oncia. La Russia ha comunque una tradizione radicata legata all’acquisto e all’accumulo di oro. Come ricorda Russia Today infatti, nel 1941 la Russia aveva messo da parte 2800 tonnellate d’oro, che funsero poi da base per far riprendere il Paese dopo la distruzione della Seconda Guerra Mondiale. Attualmente però il primo paese possessore di oro sono gli Stati Uniti, con 8133,5 tonnellate di oro, che rappresentano il 75,4% delle riserve totali del Paese. Al secondo posto si piazza la Germania, con 3391,3 tonnellate d’oro, mentre Cina e Russia si sono piazzate rispettivamente al sesto e all’ottavo posto. Secondo gli analisti però Pechino sottostimerebbe apposta le quantità d’oro in proprio possesso, che sarebbero in realtà di 3 o 4 volte più ampie per prepararsi a introdurre lo Yuan come moneta mondiale nei prossimi anni.  Il sito Zerohedge.com pensa che quando la Banca Centrale Cinese sarà finalmente pronta a dichiararare ufficialmente le riserve di oro in proprio possesso, i mercati mondiali andranno incontro a seri problemi.

D.C. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top