Crisi. Si da fuoco davanti al Parlamento, è grave in Ospedale | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
martedì , 24 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Crisi. Si da fuoco davanti al Parlamento, è grave in Ospedale

Un  ex operaio di 54 anni si è dato fuoco la scorsa notte proprio di fronte al Parlamento, a Roma. Ora è grave in ospedale, l’ennesima vittima di una crisi che non lascia scampo, nell’indifferenza del governo.

Il lavoro non è un diritto ha detto recentemente il ministro Elsa Fornero; tuttavia senza lavoro si muore. Senza avere il lavoro come diritto quindi, molte persone possono anche non trovarlo, e quindi possono facilmente non farcela, finendo prima o dopo per collassare dal punto di vista dei nervi. E’ quello che è successo la scorsa notte proprio di fronte a Montecitorio, dove un uomo di 54 anni originario di Forlì ha deciso di farla finita dandosi fuoco. Il motivo scatenante del suo gesto estremo è stato l’aver perso il lavoro qualche tempo fa, poi la crisi ha fatto il resto, condannandolo a una vita priva di soddisfazioni. Per questo la scorsa notte il disoccupato 54enne di Folrì si è cosparso di liquido infiammabile e poi è corso avvolto dal fuoco in piazza del Parlamento. I carabinieri lo hanno soccorso subito, e sono riusciti a ricoverarlo all’ospedale di Sant’Egidio, ma l’uomo ha ustioni sull’85% del corpo e sarebbe in gravi condizioni. Vedovo, disoccupato, l’uomo non avrebbe retto anche a un contenzioso per un’eredità con i fratelli in provincia di Roma.L’operaio aveva detto al figlio che sarebbe andato nella capitale, ma il giovane non sospettava minimamente che avesse intenzione di compiere un gesto simile. Nello zainetto che aveva con sè, scampato alle fiamme, avrebbe lasciato due biglietti: uno proprio per il figlio e uno per un avvocato. L’ennesima storia silenziosa di un’uomo disperato, colpevole di aver perso un lavoro faticosamente conquistato. Ma si sa, il lavoro non è un diritto, quindi coloro che non sono abbastanza “bravi” da trovarsi un lavoro, pensino a non dare fastidio all’Italia produttiva, l’unica che interessa ai nostri amati tecnici.

VAI SULLA PAGINA FACEBOOK DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top