Cuba. Raul Castro avverte Obama: "Cuba resterà comunista"Tribuno del Popolo
sabato , 22 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Cuba. Raul Castro avverte Obama: “Cuba resterà comunista”

Svolta epocale? Svendita dei principi della Rivoluzione? Nemmeno per idea. Raul Castro ha inaugurato un nuovo capitolo nei rapporti con gli Usa ma non intende recedere di un passo e cambiare il proprio sistema politico, e anzi chiede rispetto.

In molti ci hanno sperato probabilmente che tutto finisse quando i giornali hanno messo in prima pagina il presunto disgelo tra L’Avana e Washington. Come peraltro se Cuba avesse fatto qualcosa di male per meritarsi un embargo che, aldilà delle aperture e delle illazioni, continua a essere in vigore ormai da decenni. La realtà è che negli Stati Uniti non perdonano a Cuba il fatto di essere comunista, ed è proprio per questo motivo che l’embargo continuerà a dispetto dei proclami di Obama. Quello che manca sostanzialmente è il rispetto per Cuba e i cubani, e infatti il presidente cubano Raul Castro ha pensato bene di ribadire alcuni concetti intervenendo al Parlamento dell’Avana. “Come non abbiamo mai chiesto agli Stati Uniti di cambiare il suo sistema politico, chiediamo rispetto per il nostro”, ha detto Raul Castro, “Non ignoriamo le critiche virulente che il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha dovuto sopportare per i suoi annunci da parte delle forze che si oppongono alla normalizzazione delle relazioni con Cuba”.  Insomma Raul Castro e i cubani chiedono dignità, quella stessa dignità negata dagli Stati Uniti che tendono a isolare, destabilizzare e coprire di fango chiunque non condivida la propria visione del mondo. Nonostante in tanti abbiano salutato l’apertura di Obama a Cuba come una sorta di caduta del  Muro di Berlino Bis, la realtà ha mostrato che aveva ragione chi ricordava che si trattò semplicemente di una dichiarazione d’intenti da parte degli Stati Uniti che però non cambia di una virgola la sostanza dal momento che L’Avana non ha mai pensato nemmeno per un secondo di recedere dalle conquiste sociali e ideali della Revoluciòn.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top