Cuba. Riforma migratoria: ora gli irregolari potranno ritornare | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
domenica , 26 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Cuba. Riforma migratoria: ora gli irregolari potranno ritornare

Cuba ha annunciato nelle scorse ore nuove misure migratorie che favoriranno dopo anni le visite temporanee al Paese di persone ritenute “emigrati illegali” come gli sportivi e i medici.

A differenza da quanto sostengono come un mantra i dissidenti alla Yoani Sanchez, Cuba da tempo ha cominciato un processo di liberalizzazione che sembra aver inaugurato una nuova era per l’isola socialista, un’era di modernizzazione ma di conservazione della tradizione e soprattutto delle conquiste della Rivoluzione, le stesse che la Casa Bianca vorrebbe cancellare con un colpo di spugna.  A non cambiare ottusamente però è proprio l’atteggiamento americano nei confronti di Cuba,e questo nonostante tutte le aperture operate da Raul Castro. Nelle scorse ore L’Avana ha annunciato nuove misure migratorie che favoriranno le visite temporanee al paese di persone ritenute dalle autorità “emigrati illegali”, in particolare medici e sportivi. Il segretario del Consiglio di Stato, Homero Acosta, ha precisato che “verranno normalizzati gli ingressi temporanei di coloro che sono emigrati illegalmente dopo gli accordi migratori del 1994 con gli Stati Uniti”. L’obiettivo di questa decisione di L’Avana è quello  di “approfondire e intensificare le relazioni con la popolazione cubana emigrata”.

Le misure per il momento interessano il personale sanitario e gli atleti che sono usciti dal paese senza farvi ritorno o quelli che hanno abbandonato l’isola illegalmente a partire dal 1990, se sono trascorsi più di otto anni dalla loro partenza. Non rientrano nel provvedimento quanti hanno lasciato l’isola attraverso la base navale di Guantanamo, sotto l’amministrazione statunitense, “per ragioni di difesa e sicurezza nazionale”. Secondo alcune illazioni inoltre il governo agevolerà il ritorno delle persone scappate da Cuba quando avevano meno id 16 anni e di quelle che tornano per prendersi cura dei familiari indigenti. Tutto questo pacchetto di riforme arriva subito dopo il varo della grande riforma sull’immigrazione, con l’eliminazione dei permessi di uscita e la richiesta delle lettere di invito, fatto questo che permetterà ai cittadini cubani di lasciare liberamente l’isola a partire dal 14 gennaio 2013. Finora i cubani per lasciare l’isola dovevano richiedere un permesso speciale alle autorità, le quali potevano rilasciarlo a loro discrezione. Oltre al permesso, i cittadini dovevano presentare una lettera d’invito e non potevano restare all’estero oltre undici mesi. Questo vincolo è stato esteso a due anni dalla nuova legge. Nonostante tutti questi cambiamenti però, l’ottuso atteggiamento della Casa Bianca nei confronti di L’Avana, rimane immutato, così come il vergognoso embargo, peraltro ritenuto illegale dall’Onu.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top