Dalla Siria all’Ucraina, eserciti di mercenari made in USATribuno del Popolo
domenica , 28 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Dalla Siria all’Ucraina, eserciti di mercenari made in USA

Prosegue senza sosta l’invio dei mercenari stranieri nei Paesi della cosiddettaprimavera araba, così come in Ucraina. Per l’Occidente e le monarchie del Golfo questa azione è diventata un nuovo fattore di destabilizzazione dei paesi considerati nemici e, dunque, da abbattere.

Si parla poco degli spostamenti di migliaia di jihadisti da un continente all’altro per combattere contro l’Esercito Arabo Siriano. Spesso questa “migrazione del terrore” avviene, almeno così sostengono alcuni analisti, all’insaputa degli stessi servizi segreti americani e britannici presenti sul posto. Dalla Turchia, ad esempio, sono entrati circa 80 mila qaedisti da 63 Paesi per far cadere il presidente Assad.
Il 22 Marzo scorso, 5000 jihadisti sono entrati nel nord della Siria sotto un intensa copertura dell’artiglieria turca. È assurdo pensare che i servizi di sicurezza occidentali ignorino ciò che sta avvenendo in Libia, Tunisia, Iraq e in altri Paesi.

Quello che non si può negare è il ruolo svolto dalla Turchia negli ultimi tre anni: ha apertole frontiere per l’invio dei terroristi in Siria. L’intercettazione del colloquio telefonico tra il Premier Erdogan e il capo dell’esercito, dove si parla appunto di un coinvolgimento diretto della Turchia nel conflitto, è una prova lampante del coinvolgimento di Ankara.

Si parla di lotta contro il terrorismo e, nello stesso tempo, lo si supporta in tutti i modi, dimenticando che con le stesse mani criminali sono stati uccisi i giovani soldati italiani. Se l’Occidente non c’entra nulla con tutto questo, perché non interviene nei confronti della Turchia, oggi roccaforte di al Qaeda?

Perché continua l’embargo contro la Siria, il Paese che paga il prezzo più alto della sua gente e di suoi giovani militari contro il terrorismo?
Le autorità ucraine stanno commettendo lo stesso errore invitando nel Paese mercenari stranieri. Questa notizia è confermata da numerosi giornalisti presenti a Kiev. Si parla di una compagnia militare privata statunitense, Greystone Limited, con centinaia di suoi dipendenti che svolgono in Ucraina le funzioni di investigazione politica e di tutela della sicurezza dello Stato. Fonti sicure affermano che esiste un piano per sopprimere con la forza le manifestazioni protesta nella parte orientale dell’Ucraina dove la maggioranza è russa.

Malgrado che la Crimea sia diventata russa, ambienti occidentali, in particolare francesi, invitano le autorità ucraine di non accettare questa realtà. Il nuovo governo golpista ucraino parla chiaramente di voler sopprimere il sentimento filo-russo nelle regioni meridionali e orientali del Paese e chiede di essere aiutato dagli eserciti privati che operano in tutto il mondo: ex soldati e ufficiali delle forze speciali di tutto il mondo. Il primo a rispondere a questo appello è stato il Presidente del cosiddetto Consiglio Nazionale Siriano, Ahmad Al Jerba. Contattando le nuove autorità ucraine, ha affermato di voler offrire il sostegno del Consiglio all’esecutivo ucraino. Il rischio che al Qaeda arrivi in Ucraina è sempre più reale.

Talal Khrais, Assadakah

Fonte: Pdci.it

 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top