E' l'ora del disgelo tra le due Coree?Tribuno del Popolo
lunedì , 16 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
E’ l’ora del disgelo tra le due Coree?

E’ l’ora del disgelo tra le due Coree?

Nel discorso di fine 2014 Kim Jong-Un ha dichiarato di voler inaugurare un nuovo corso nei rapporti tra Seoul e Pyongyang sottolineando la necessità di un grande cambiamento nelle relazioni tra i due paesi. Tutto questo avviene a pochi giorni dal caso “The Interwiew” con gli Usa che accusano la Nord Corea di aver lanciato un attacco hacker contro la Sony. 

Siamo di fronte a una svolta più o meno epocale nei rapporti internazionali e non tra le due Coree? Difficile dirlo ma se le parole di Kim Jong-Un riportare dall’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap trovassero conferme sicuramente ci si troverebbe di fronte a un grande passo in avanti verso la cooperazione. Và però premesso che è molto difficile reperire notizie sulla Corea del Nord che non siano viziate da pregiudizi e propaganda di guerra, basti pensare che proprio il presidente Kim Jong-Un nei mesi scorsi è stato accusato nell’ordine di aver ucciso la sua ex ragazza, fatto sbranare suo zio dai cani, e infine di aver deportato o ucciso la nazionale di calcio per aver perso contro la Sud Corea. Tutti spunti interessanti, peccato che fossero delle colossali balle. E ora anche le accuse degli Stati Uniti alla Nord Corea di aver organizzato un attacco hacker ai danni della Sony per punirla per aver fatto uscire il film “The Interwiew” che sostanzialmente sbertuccia Pyongyang, si stanno lentamente sgonfiando per assenza di prove tangibili.

L’apertura di Pyongyang

I media descrivono il governo della Nord Corea come una sorta di regno del terrore dimostrando in questo modo di essere fonti prive di credibilità. In realtà le notizie che arrivano riguardo la Nord Corea sono spesso frammentarie di conseguenza è oltremodo difficile cercare di comprendere che cosa accade a nord del trentottesimo parallelo. Il discorso di Kim Jong-Un in occasione della fine dell’anno però potrebbe aprire delle prospettive molto interessanti di pace. Il leader nordcoreano ha infatti affermato, secondo l’agenzia di stampa Yonhap, di voler tenere colloqui cordiali e di pace con il presidente sudcoreano Park Geun-hye. L’obiettivo di tali colloqui sarebbe un grande cambiamento nelle relazioni tra Nord e Sud. Kim Jong-Un ha detto tutto questo in diretta tv ribadendo che Pyongyang “metterà in atto ogni possibile sforzo” per portare avanti il dialogo e la cooperazione con Seul. “Se si creano l’atmosfera e l’ambiente, non abbiamo motivi per non intraprendere colloqui ad alto livello“, ha anche aggiunto Kim Jong-Un.  

La Corea del Sud d’altra parte viene spesso e volentieri descritta come una democrazia in contrasto con il “regime” dittatoriale di Pyongyang ma a uno sguardo più attento si verificherebbe come sia anche questa una immagina distorta dalla propaganda. Anche in Corea del Sud infatti l’opposizione al governo di Seul viene duramente perseguita e ultimamente anche il partito progressista è stato messo al bando con l’accusa di essere filo-nordcoreano. La Corea del Sud ha se non altro risposto positivamente all’appello di Kim Jong-Un e lo ha fatto per bocca del ministero sudcoreano per l’Unificazione che ha trasmesso una nota di commento in seguito alle dichiarazioni di Pyongyang: “Se la Corea del Nord vuole sinceramente migliorare le relazioni Sud-Nord attraverso il dialogo, speriamo che risponda rapidamente all’offerta di dialogo che abbiamo avanzato“. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top