E' nuova Guerra Fredda tra Ue e RussiaTribuno del Popolo
giovedì , 30 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

E’ nuova Guerra Fredda tra Ue e Russia

Il premier francese Manuel Valls a Monaco di Baviera ha nuovamente accusato la Russia di bombardare la popolazione in Siria e il primo ministro russo ha risposto per le rime ricordando  come ormai i rapporti tra Nato e Mosca siano piombati in una “nuova guerra fredda”. Sono già finiti i tempi in cui Parigi, sull’onda emotiva del Bataclan, prometteva di voler spazzare via l’Isis?

In politica internazionale le cose cambiano molto in fretta. A novembre la Francia colpita a morte dal terrorismo a Parigi prometteva vendetta contro lo Stato Islamico, dichiarava guerra al terrorismo e si mostrava disponibile a collaborare anche con la Russia, che per l’appunto il terrorismo lo sta combattendo in Siria. Eppure a distanza di pochi mesi Parigi sembra aver completamente cambiato atteggiamento nei confronti di Mosca, e dire che lo stesso Valls nel corso dei negoziati per la Siria a Monaco di Baviera ha ammesso candidamente di aspettarsi nuovi e terribili attentati, ma evidentemente i calcoli geopolitici valgono molto di più della sicurezza dei cittadini. Valls ha detto che la battaglia “al terrore durerà a lungo, forse una intera generazione“, ma viene quasi da pensare che si vuole che sia così perchè sconfiggere il terrorismo evidentemente non rappresenta proprio una priorità. E la priorità dell’Ue e della Nato sembra, piuttosto, quella di cercare la conflittualità con la Russia. Valls infatti ha chiesto a Mosca di cessare i bombardamenti contro la popolazione, eppure Parigi non aveva bombardato Raqqa per rappresaglia proprio poche ore dopo l’attentato? In ogni caso il primo ministro russo Dmitri Medvedev ha parlato apertamente di “una nuova Guerra Fredda”, ricordando come ogni giorno ci si riferisca alla Russia come a una minaccia per la Nato, l’Europa e gli Usa. E proprio Medvedev ha risposto per le rime a Valls sostenendo che la Russia stia in realtà colpendo solo i terroristi in Siria e ammonendo che se non si dovesse sconfiggere in fratta il terrorismo, questo potrebbe realmente diventare una minaccia globale. Ma evidentemente a molti interessa più cacciare Assad da Damasco e danneggiare gli interessi russi piuttosto che porre fine alla minaccia del terrorismo.

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top