E se ancora una volta fosse il MAD a fermare la guerra globale?Tribuno del Popolo
venerdì , 26 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

E se ancora una volta fosse il MAD a fermare la guerra globale?

In tanti parlano di guerre globali prossime e di possibile Terza Guerra Mondiale ormai imminente. Se ne parla ormai da 70 anni ma, fortunatamente, non è scoppiata nessuna guerra mondiale. Ne sono scoppiate però decine e decine di locali e regionali che hanno ugualmente fatto milioni di morti, e questa potrebbe essere una mutazione definitiva della guerra a causa del MAD (Mutual Assured Destruction).

Il MAD, o Mutual Assured Destruction, potrebbe essere l’unico motivo per cui non assistiamo a una Terza Guerra Mondiale classica, ovvero a uno scontro tra eserciti di superpotenze che si affrontano direttamente. Tutto questo non accade e forse non potrà mai accadere grazie al MAD, ovvero quell’equilibrio del terrore che fa sì che ciascuna delle superpotenze sappia che una guerra con un’altra superpotenza potrebbe portare alla fine dell’umanità. Mosca infatti possiede qualcosa come migliaia di testate nucleari, e per quanto scudi missilistici, star wars e satelliti possano permettere di intercettarne una grande percentuale, basterebbe che cento o anche solo dieci di esse arrivassero a destinazione per rendere del tutto impensabile e impraticabile l’idea di uscire vincitori da una guerra di questo genere.

Questo però non porterà alla fine delle guerre ma semplicemente alla fine delle guerre su vasta scala e organizzate tra Stati come le abbiamo conosciute nel XX secolo. In fin dei conti per colpa, o grazie, al MAD, le guerre del futuro saranno guerre a bassa intensità, guerre civili o per procura che avverranno su scala regionale o anche minore. Questo ovviamente non vuol dire che le superpotenze saranno in pace tra di loro, al contrario si affronteranno per procura ovunque possibile con guerre ibride che non sono però meno sanguinarie di quelle tra Stati a cui abbiamo fatto riferimento. Guerre come quella in Siria dove in 5 anni sono morte quasi 300.000 persone, oppure guerre come quelle in Ucraina dove rivolte interne appoggiate dall’esterno portano a guerre civili de facto.

Non a caso Papa Francesco parlò non troppo tempo fa esplicitamente di una Terza Guerra Mondiale a pezzi, facendo in questo riferimento esattamente a quanto stiamo dicendo, ovvero che i conflitti tra sfere di influenza sono stati sostituiti (e non da ora) da guerre per procura. Era successo anche nel XX secolo in Vietnam e in Angola e probabilmente accadrà ancora dal momento che gli Usa non possono di certo accettare un ridimensionamento del proprio potere globale. La transizione verso guerre portate avanti da gruppi paraprivati, paramilitari e terroristici dunque potrebbe essere definitiva in quanto libera gli Stati dalla paura del MAD e permette loro di affrontarsi in modo non ufficiale, perseguendo quindi le proprie logiche di potenza.

@Dc

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top