E se gli immigrati portassero ricchezza?Tribuno del Popolo
martedì , 30 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

E se gli immigrati portassero ricchezza?

Da tempo una certa parte politica continua a portare avanti lo schema: immigrati=crimine e povertà. In molti nei bar, nei tram, parlano a sproposito di “immigrati che ci rubano il lavoro”. Ma è poi vero?

Quando le cose vanno male, lo si sa, la tentazione di trovare qualche capro espiatorio è sempre alta, soprattutto quando si tratta di stranieri. Inutile citare foschi precedenti che hanno fatto sanguinare il XX secolo, ma anche nel nostro secolo, il XXI, stiamo assistendo a qualcosa di molto simile. Da quando c’è la crisi e il capitalismo scricchiola con centinaia di migliaia di nuovi poveri e la fine dell’illusione del progresso continuo, sono molti, da destra, ad additare la globalizzazione e gli immigrati come la prima causa del malessere. Nei tram, nei bar, ai mercati, tutti avrete sentito l’uomo della strada scagliarsi contro gli immigrati che rubano, e la cosa non va che peggiorando dal momento che esistono partiti politici che hanno fatto della “lotta” all’immigrazione il loro cavallo di battaglia. Il loro mettere “prima” gli italiani rientrerebbe, secondo loro, nella logica, sarebbe cioè una risposta immediata alla crisi economica. Peccato che nasca da un equivoco di fondo dal momento che, dati alla mano, il nostro Paese non è affatto in ginocchio a causa degli immigrati; semmai è vero il contrario.

Cediamo un pò di dati presi dal Rapporto Annuale sull’Economia dell’Immigrazione 2013 realizzato dalla Fondazione Leone Moressa ed edito da Il Mulino e patrocinato dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e dal Ministero degli Affari Esteri, consultabile interamente sul sito della fondazione. Dati alla mano nel 2011 ci sarebbero ben 32.000 immigrati che avrebbero scelto spontaneamente di andare via dal nostro Paese, il che tradotto significa che le casse dello Stato hanno visto volare via 86 milioni di euro di entrate, gli stessi soldi che i partiti di destra reclamano e che avrebbero potuto aiutare gli italiani in difficoltà. Sempre dati alla mano i contribuenti in Italia nati all’estero sarebbero 3,4 milioni e dichiarano al fisco circa 43 miliardi di euro, ovvero l’8,3% dei contribuenti italiani che collabora per il 5,4% del reddito complessivo dell’Italia. Sfatiamo ora un’altra grande bugia sbandierata dalla destra, ovvero che gli immigrati vogliono venire in Italia perchè “possono fare quello che vogliono e vivere alle spalle degli italiani“. Secondo l’International Migration Outlook 2013 la maggioranza dei migranti andrebbe in Spagna, con Madrid che nel solo 2011 ha accolto 350.000 migranti. Al secondo posto il Regno Unito con 320.000 persone, e solo al terzo posto l’Italia con 312.000 migranti, oltre trentamila in meno del 2010 (349.500).

In Gran Bretagna, non certo un paese in mano alla Sinistra, a partire dal 2000 gli immigrati hanno contribuito con oltre 30 miliardi di euro alle finanze britanniche (dati University College London). Certo, cercare facili capri espiatori può essere un buon viatico per guadagnare facili consensi elettorali, a discapito però di un dibattito serio sui motivi che hanno portato a questa crisi devastante.

G.Babeuf

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top