E' un jihadista che ha combattuto in Siria l'autore della strage di Bruxelles?Tribuno del Popolo
venerdì , 15 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

E’ un jihadista che ha combattuto in Siria l’autore della strage di Bruxelles?

Le autorità francesi hanno arrestato un cittadino francese armato di Ak-47 e di una pistola a Marsiglia. Si tratta di Mehdi Nemmouche, un cittadino francese che si sarebbe recato in Siria per combattere contro Damasco e, una volta rientrato a casa, avrebbe realizzato la strage del museo ebraico di Bruxelles. 

Lo sviluppo che stanno prendendo le vicende in Francia a seguito della strage del museo ebraico di Bruxelles del 24 maggio sono inquietanti. Le autorità infatti hanno arrestato a Marsiglia Mehdi Nemmouche, un cittadino francese di 29 anni che si sarebbe recato in Siria nel 2013 per combattere accanto ai jihadisti. Sarebbe lui l’autore della strage del 24 maggio nel museo ebraico della capitale belga, e questo confermerebbe le paure di quanti sospettano che i jihadisti dopo aver ricevuto armi e addestramento in Siria tornino poi in Europa minacciando con attentati terroristici la pace. Nemmouche sarebbe tato schedato come seguace della jihad islamica in Siria dai servizi interni francesi (DGSI). Le manette sono scattate venerdì, quando la polizia lo ha posto in stato di fermo per omicidio plurimo in collegamento con un’impresa terroristica. L’uomo è stato arrestato alla stazione ferroviaria di Marsiglia di Saint-Charles dai servizi doganali che lo avrebbero trovato all’interno di un autobus proveniente da Amsterdam e Bruxelles. Secondo le indicazioni dei giornalisti lo avrebbero trovato con un kalashnikov e con delle munizioni dello stesso tipo di quelle utilizzate nella strage. Altre fonti sostengono che l’uomo, oltre alle armi, con sè avrebbe avuto anche una pistola e una telecamera, tutti elementi che lasciano pensare che sia la persona giusta. La sparatoria di Bruxelles aveva causato la morte di una coppia di israeliani, di una francese  e di un impiegato belga. Se venisse confermata la sua colpevolezza ecco che per la prima volta l’Europa toccherebbe con mano cosa vuol dire aver foraggiato i jihadisti in Libia e in Siria. In molti infatti avvertivano che i cittadini europei che si recano in Siria per combattere contro Assad potrebbero in un secondo momento ritornare in Europa con una formazione terroristica e bellica di primordine, mettendo così a rischio la pace nei rispettivi paesi d’origine. Sono centinaia i cittadini francesi e britannici, ed europei in genere, che si sono recati in Siria per fare la Jihad.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Un commento

  1. sosteniamo insieme la repubblica laica della siria, gli estremisti islamici in siria come i nazisti in ucraina, tutti al servizio e comodi per l’impero del male a stelle e strisce. Questi estremisti religiosi vogliono oscurantismo e non vogliono istruzione, sono la migliore arma dei potenti yankee che vogliono abbattere nazioni che vogliono progredire come la siria e l’iran.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top