Ecuador. Trionfa Correa, passo avanti della Rèvolucion | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ecuador. Trionfa Correa, passo avanti della Rèvolucion

Rafael Correa h vinto al primo turno le elezioni in Ecuador, battendo il banchiere Guillermo Lasso, secondo con il 23,7%. Si tratta di una vittoria indiscutibile che rinsalda il fronte socialista in Sudamerica.

correa1

Avanza il fronte socialista in Sudamerica dopo la vittoria, indiscutibile, ottenuta da Rafael Correa nelle elezioni presidenziali dell’Ecuador. Correa, secondo i dati provvisori del Consiglio Elettorale, si è aggiudicato ben il 56,8% dei voti contro il 23,7% del suo rivale, il banchiere Guillermo Lasso. Distaccati l’ex presidente e ex colonnello dell’ esercito Lucio Gutierrez, con il 5,97%, e il magnate Alvaro Noboa, con il 3,69%. Il candidato della destra, Mauricio Rodas, ha ottenuto solamente il 4,27%, mentre l’economista ex alleato di Correa, Alberto Acosta, ha ottenuto solamente il 2,81%. La Costituzione dell’ Ecuador stabilisce che per vincere al primo turno, Correa deve ottenere la metà più uno dei voti validi (al netto delle schede bianche e dei voti nulli) o un 40% con una differenza di 10 punti sull’inseguitore. Il Consiglio elettorale aveva previsto di completare un primo scrutinio per poi iniziare quello totale dei voti. Tutto lascerebbe comunque presumere una vittoria al primo turno di Correa. Socialista di 49 anni, Correa fa parte del fronte cosiddetto bolivariano del Sudamerica, un fronte che vede il leader più carismatico in Hugo Chavez, alle prese da ormai due mesi con la lotta a un tumore ricoverato in ospedale a Cuba. La riconferma di Correa rafforza quindi in modo indiscutibile il fronte socialista e bolivariano in Sudamerica. “Stiamo costruendo la nostra `Patria Grande´ latinoamericana. Grazie per la vostra fiducia, siamo qui per servirvi”, ha commentato dal balc0ne del palazzo presidenziale di Quito, salutando migliaia di manifestanti convenuti per festeggiare.  Economista che ha studiato negli Usa e in Belgio e uno dei grandi sodali latinoamericani del presidente venezuelano Hugo Chavez, Correa appare destinato a diventare il presidente con il mandato ininterrotto più lungo alla guida del Paese, dove oggi sono stati chiamati a votare 11,6 milioni di cittadini. Al potere dal 2007, rieletto nel 2009, ora Correa rimarrà alla guida del Paese per altri quattro anni, rinsaldando così la guida socialista del continente. Correa negli ultimi anni ha incassato alcuni risultati degli ultimi anni, quali un miglioramento della sanità, dell’istruzione e delle vie di comunicazione. La sua popolarità è innegabile, agevolata tra l’altro dai milioni di dollari che piovono su Quito grazie agli alti prezzi del petrolio e delle materie prime agricole. Correa ora ha tutta l’intenzione di continuare su questa strada, magari convincendo migliaia di ecuadoregni a tornare a casa dall’Europa colpita dalla crisi economica.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top