Egitto. Agli arresti il capo dei Fratelli MusulmaniTribuno del Popolo
mercoledì , 18 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Egitto. Agli arresti il capo dei Fratelli Musulmani

Egitto. Agli arresti il capo dei Fratelli Musulmani

Arrestato nella notte in Egitto Mohamed el Badia, 70enne leader dei Fratelli Musulmani trovato in casa sua assieme a un rappresentante di Hamas e due donne. 

(AFP Photo / Pierre Andrieu)

L’esercito ha deciso di usare la tolleranza zero e ieri, giornata campale dopo la barbara uccisione di 24 soldati egiziani nel Sinai per mano di terroristi islamici, ha deciso di porre agli arresti Mohamed el Badia, il 70enne leader dei Fratelli Musulmani. Gli agenti lo hanno trovato in un appartamento di viale Tayaran, non lontano da piazza Rabaa e dalla moschea di Al Adawiya, quella degli scontri di mercoledì scorso e dell’inizio delle stragi. La tv di Stato ha subito trasmesso le immagini dell’arresto che, ironia della sorte, avviene nello stesso giorno in cui potrebbe venire scarcerato l’ex Raìs Hosni Mubarak. Assieme a lui i soldati hanno arrestato anche il portavoce Youssef Talaat. Morsi al contrario continua a rimanere ai domiciliari accusato da ieri per “complicità in omicidio e tortura” per l’uccisione di oppositori durante una manifestazione di protesta a dicembre 2012. Il generale Al Sisi, in questo momento l’uomo più potente dell’intero Egitto, ha deciso di utilizzare il pugno di ferro, e ora si attendono le reazioni della Fratellanza musulmana. Il suo successore sarà Mahmud Ezzat, 59 anni, 5 figli, segretario generale dei Fratelli Musulmani, già responsabile dei loro servizi di sicurezza, soprannominato “La Volpe”Sabato, negli scontri alla moschea di Al fath, era morto Aman, il figlio di El Badia, 38 anni. Nella notte era stata bruciata la casa della Guida Spirituale. Poi nelle scorse ore l’arresto, con l’accusa di essere stato uno degli organizzatori della rivolta e delle torture di cui sono stati accusati i Fratelli Musulmani durante i 45 giorni di occupazione di piazze e mosche che hanno preceduto lo sgombero. Nell’ultima settimana sono morti 174 tra poliziotti e militari, e el Badia potrebbe venire accusato di aver fomentato le azioni violente. E’ la linea dura del generale Al Sisi e del governo provvisorio, che sta valutando la messa fuorilegge dei Fratelli Musulmani. L’arresto di Mohamed el Badia sembra accelerare i tempi. Il processo è già fissato per il 25 agosto.  

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top