Egitto. Al-Sisi è ufficialmente il nuovo presidenteTribuno del Popolo
lunedì , 27 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Egitto. Al-Sisi è ufficialmente il nuovo presidente

Abdel Fattah al-Sisi ha giurato di fronte ai giudici della Corte Costituzionale di Egitto dopo il voto del 28 maggio che lo aveva eletto vincitore con quasi il 97% delle preferenze. 

Si chiama Al-Sisi il nuovo presidente egiziano, e non è ormai più una notizia dal momento che sono mesi che l’ex generale è diventato il protagonista assoluto della politica interna egiziana. Dopo aver stravinto le elezioni del 28 maggio, ora Al-Sisi è diventato anche formalmente il presidente dopo aver giurato di fronte alle massime autorità egiziane. ‘‘Giuro davanti a Dio di difendere il sistema repubblicano, rispettare la Costituzione e la legge e di difendere l’indipendenza della patria e l’unità del territorio nazionale”,  ha detto il neo capo dello Stato. Al-Sisi eredita una situazione difficilissima sotto vari punti di vista, con un Paese diviso dove il 53% dei cittadini per motivi diversi non si è recato alle urne. Anche l’economia è stata duramente colpita da questi tre anni di anarchia e rischia il collasso a causa di un debito fortissimo e della rivolta dei Fratelli Musulmani, estromessi dal potere proprio da Al-Sisi e ora una formazione clandestina che però ha ancora molto potere in Egitto. Del resto fu proprio Al-Sisi a raccogliere l’appello di ventidue milioni di egiziani che chiedevano la rimozione dal potere di Morsi dal momento che stava procedendo a una veloce islamizzazione del Paese. La repressione di Al-Sisi ha trovato il plauso di tutti i settori più moderni e urbani dell’Egitto mentre, al contrario, ha scatenato una rivolta jihadista nel Sinai che ha già portato a 1400 morti, 16.000 arresti e almeno 700 condanne a morte. Insomma Al-Sisi è stato l’uomo scelto per riportare pace e tranquillità, e non è nemmeno un uomo troppo gradito all’Occidente dal momento che uno dei suoi primi passi era stato aprire a Mosca dopo anni di alleanza tra Mubarak e Washington.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top