Egitto. Ancora violenze tra esercito e islamistiTribuno del Popolo
domenica , 28 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Egitto. Ancora violenze tra esercito e islamisti

Esercito e forze dell’ordine hanno proseguito i rastrellamenti e i raid contro i Fratelli Musulmani in diverse regioni dell’Egitto. Non si accenna a placarsi la tensione all’ombra delle piramidi. 

Ancora scontri tra esercito e Fratelli Musulmani in diversi punti dell’Egitto e in particolare in quel di Kerdasa, località nelle vicinanze del Cairo rinomata per la produzione tessile. Circa un mese fa proprio a Kerdasa erano stati assassinati ben undici poliziotti, la prova che la Fratellanza non era proprio un partito democratico e rispettoso delle istituzioni come dichiarato da Morsi e dagli altri leader ai tempi del colpo di stato militare di Al-Sisi.  Nelle scorse ore militari egiziani hanno assediato il centro cittadino di Kerdasa in cerca di terroristi, utilizzando anche blindati ed elicotteri per riuscire a stanarli. Alla fine sono state arrestate circa cento persone con l’accusa di aver preso parte nel recente passato ad azioni violente, fra cui omicidi di agenti. Nella cittadina di Kerdasa sono moltissimi gli aderenti alla Fratellanza, e nelle scorse settimane erano scesi nuovamente a migliaia in piazza per lanciare slogan contro Al-Sisi e le Forze Armate. Sono migliaia però anche coloro che temevano il governo dei Fratelli Musulmani e che hanno salutato con gioia la fine del governo di Mohamed Morsi. Una tv locale peraltro ha riferito che nel corso delle perquisizioni un ufficiale di polizia sarebbe stato colpito a morte, e che in alcuni siti della città sarebbero stati trovati dei mitra. Tutto questo ha spinto ragionevolmente il ministero dell’Interno a dichiarare che simili iniziative continueranno fin quando “non saranno completamente ripulite da armi ed elementi terroristi”. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top