Elezioni comunali. Il candidato del centrosinistra non c'è ancora | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 23 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Elezioni comunali. Il candidato del centrosinistra non c’è ancora

Dopo che il Ministro Riccardi ha rifiutato la sua possibile candidatura come sindaco di Roma, prosegue il toto-candidati per scegliere chi sarà il futuro sfidante di Alemanno. Tra tanti nomi poche certezze, e se la sinistra presentasse un candidato tutto suo? Intanto è sempre più probabile l’ipotesi primarie. 

Tratto da http://oltremedia.weebly.com/

“E’ un’offerta che mi lusinga, ma che non ritengo di poter accogliere”, così aveva commentato le voci che accreditavano una sua possibile candidatura l’attuale ministro per la cooperazione internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi. “Accettare candidature” ha aggiunto Riccardi “che interrompano il mio mandato ministeriale sarebbe tra l’altro in contraddizione con quell’impegno nazionale al quale sono stato chiamato dal presidente della Repubblica e dal presidente del Consiglio e che è stato confermato da una larga maggioranza parlamentare”.

E ora che succede? Il PD propone il suo capogruppo al Parlamento europeo, David Sassoli, che commenta in questo modo: “A Roma serve una luce che illumini la notte. Altro che autonomine. Il dibattito politico in città è avvilente e continua a battere il tasto su alleanze e coalizioni senza contenuti. […]. Per aprire una fase nuova dobbiamo uscire dagli schemi in cui si consuma il dibattito politico cittadino. Ed è a questa sfida che voglio partecipare, per sostenerla o rappresentarla. Bisogna uscire dai personalismi, ma non rinunciando al coraggio di far leva sul cambiamento, utilizzando tutte le risorse a disposizione”. Dunque Sassoli si direbbe pronto e accetterebbe di buon grado una sua candidatura, ma di diverso avviso è Alessandra Prestipino, assessore provinciale allo sport del PD. “Siamo pronti e siamo sicuri” afferma la Prestipino “Molliamo gli indugi, abbiamo già perso agosto, abbiamo lasciato che Bersani annunciasse le primarie e qui a Roma il partito tace.Subito una data unica per le primarie nazionali, il sindaco di Roma e i presidenti dei municipi”.
Dunque si va verso le primarie anche per quanto riguarda la capitale, ma come dice il proverbio “non c’è due senza tre” ed ecco spuntare dal mazzo dei nomi un candidato anche per Sel, Massimiliano Smeriglio, assessore provinciale al lavoro. Attraverso Twitter, Smeriglio fa sapere che dopo la candidatura di Zingaretti in regione, il suo obiettivo rimane comunque Roma e quindi per evitare una coalizione di centrosinistra che abbracci anche le forze democratiche ( Udc), ha deciso di accettare la sua candidatura alle primarie. Intanto c’è da vedere come reagiranno le forze di sinistra e in particolar modo laFds, che di sicuro non vede di buon occhio i due candidati del PD, ma c’è da vedere se appoggerà Smeriglio o proporrà un suo candidato. La risposta la sapremo nei prossimi giorni, intanto Giovanni Barbera, presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII e membro del comitato politico romano del Prc – Federazione della Sinistra è stato duro nei confronti della candidatura di David Sassoli, sostenendo che “ Roma non ha bisogno di sindaci part-time, con doppi o tripli incarichi, soprattutto se gli incarichi riguardano il Parlamento europeo. Inoltre” aggiunge Barbera “non è molto serio autocandidarsi, senza aver prima chiarito quali siano i contenuti programmatici, e quindi le alleanze, che si propongono alle altre forze politiche, a meno che qualcuno non pensi di essere un altro “unto del Signore. La città di Roma” conclude “ ha bisogno di una svolta reale, che va costruita sulle cose da fare e non sulla politica-spettacolo”. Insomma il centrosinistra romano è diviso e spera di trovare presto un suo collante.
Benedetto Monteleone
Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top