Europa. Euroscettici avanti in InghilterraTribuno del Popolo
sabato , 21 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Europa. Euroscettici avanti in Inghilterra

Europa. Euroscettici avanti in Inghilterra

Si complica il quadro europeo in vista delle elezioni europee di maggio. Secondo i sondaggi infatti in Inghilterra per la prima volta il partito euroscettico di Nigel Farage sarebbe al primo posto nelle preferenze. 

Nigel Farage esulta anche se sono solo sondaggi. Il suo partito infatti secondo un sondaggio di YouGov pubblicato sul Sunday Times sarebbe il primo partito della Gran Bretagna se si votasse oggi. Il suo non è un partito come gli altri, si tratta dell’Ukip, il partito euroscettico che sarebbe votato dal 31% dei cittadini, superando così di ben tre punti, e per la prima volta, il partito laburista. Per non parlare dei conservatori di Cameron, fermi solo al terzo posto con il 19% e fuori dai giochi. Se i sondaggi dovessero trovare conferma nella realtà per Farage sarebbe una vittoria storica dal momento che il suo partito nelle elezioni locali del 2013 aveva già ottenuto un ottimo 23%. Ma Farage sembra essere solo all’inizio e ora in molti hanno paura perchè sanno bene che se a maggio dovesse vincere lui, gli equilibri cambierebbero in tutta Europa. Il 25 maggio saranno 300 milioni i cittadini europei che andranno alle urne per votare il Parlamento Europeo. A gravare su queste elezioni lo spettro dell’astensionismo, ma anche quello degli euroscettici e degli antieuro, di cui fanno parte Le Pen e Grillo. I primi a votare fra i 28 Paesi Ue saranno i cittadini di Gran Bretagna e Olanda, che andranno alle urne giovedì 22 maggio, mentre alla maggior parte degli altri Paesi, fra cui l’Italia, toccherà domenica 25 maggio. A oggi prevale in Parlamento il Partito popolare europeo che conta qualcosa come 274 eurodeputati contro i 195 dei socialdemocratici. Secondo Poll Watch 2014 nel prossimo Europarlamento il Ppe potrebbe avere 217 seggi contro i 208 dei socialdemocratici, con il Ppe rafforzato dai voti di Polonia e Francia. Insomma, sembra quasi che le cose in Europa, se possibile, andranno persino peggio, ancor più che tutti i partiti euroscettici che stanno marciando sulla rabbia popolare sembrano collocarsi a destra.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top