Europa. Il Movimento sceglie FarageTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Europa. Il Movimento sceglie Farage

Alla fine non ci sono state sorprese: Il Movimento Cinque Stelle ha deciso con un referendum online sul blog di Grillo di cercare di formare un gruppo nel Parlamento Europeo accanto all’Ukip di Nigel Farage. Il Movimento insomma si colloca a destra in modo netto, a questo proposito basti leggere il programma dell’Ukip.

Non ci sono state sorprese. Come previsto il Movimento Cinque Stelle tenterà di formare un gruppo assieme all’Ukip di Nigel Farage, partito di estrema destra britannico. Era stata data la scelta agli elettori del Movimento nonostante Grillo avesse caldeggiato proprio questa decisione. Come di consueto si è potuto votare sul blog di Grillo sul web, un referendum che ha ratificato la scelta del leader britannico, cui sono andati 23.000 dei 29.000 voti espressi. I Verdi non sono nemmeno stati messi nelle opzioni di voto, e infatti questa decisione ha scatenato diverse polemiche sul web. Farage intanto gongola, ben contento di contare sull’alleanza di Grillo, alle prese nello stesso momento con una lotta interna con il sindaco di Parma Pizzarotti. Attualmente l’Ukip si trova nell’Europarlamento in concorrenza con il gruppo di Le Pen e dei Conservatori di Ecr e sta cercando di creare un gruppo con i parlamentari di sette paesi. Nel caso il tentativo di Farage dovesse fallire, il Movimento Cinque Stelle finirebbe tra i “non iscritti”, e quindi all’irrilevanza in Parlamento.  Ma se qualcuno avesse dubbi sulla natura del partito scelto per l’alleanza europea da parte del Movimento basta fare un breve giro sul sito web dell’Ukip. A quanti sostengono che l’Ukip non è un partito di estrema destra basterebbe verificare che Farage e soci sono fautori del libero mercato, sono per restrizioni per gli stranieri e per l’istituzione di una istruzione e di una sanità a pagamento per gli stranieri, sono per il permesso di soggiorno a punti e per il limite a tempo, per annullare gli incentivi per le energie alternative, per abolire la tassa di successione, tagliare i fondi ai Paesi in via di sviluppo, togliere il diritto di voto ai carcerati. Insomma legittimo avere queste idee ma allora non ci vengano a dire che sono “oltre” e non sono nè di destra nè di sinistra dal momento che l’Europa che ha in mente Farage è una Europa di destra, esattamente come quella che costoro vorrebbero cambiare.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top