Europa, la terra delle disuguaglianzeTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Europa, la terra delle disuguaglianze

Secondo un rapporto sulla disuguaglianza sociale  di Oxfam in Europa si sarebbero registrati livelli “inaccettabili di povertà e disuguaglianza”. Nel “vecchio continente” ci sono oltre 123 milioni di persone a rischio povertà ed esclusione sociale a fronte di 342 plurimiliardari con un patrimonio totale da 1340 miliardi di euro. 

In Europa si registrano livelli inaccettabili di povertà e disuguaglianza”, parole molto chiare quelle scelte dal rapporto Oxfam, ong internazionale da sempre molto attenta ai problemi legati alla fame e alle disuguaglianze sociali. Il quadro offerto dalla ong sull’Europa è tale da lasciare interdetti dal momento che il vecchio continente si sta trasformando sempre di più in un continente pieno di poveri ma con pochi super miliardari. Rapporto alla mano in Europa risultano esserci 342 miliardari il cui patrimonio totale ammonterebbe a 1340 miliardi di euro a fronte di oltre 123 milioni di persone che sono a rischio povertà ed esclusione. “Invece di dare priorità alle persone, i processi decisionali politici sono sempre più  influenzati dalle ricche élite che manipolano le regole a proprio vantaggio: in tal modo aggravano la povertà e la disuguaglianza economica, logorando costantemente e pesantemente le istituzioni democratiche”, ha detto il rapporto Oxfam. E poi ancora: “Le misure di austerità e gli iniqui sistemi fiscali che affliggono l’Europa vanno a tutto vantaggio dei potenti titolari di interessi privati. È giunto il momento di invertire la rotta della povertà e della disuguaglianza in Europa, mettendo al primo posto le persone”.

Oxfam

Ovviamente la crisi economica cominciata nel 2008 ha solo aggravato questo processo al punto che la combinazione austerità e disoccupazione ha condotto a un nuovo aumento della grande povertà in Europa e alla riduzione della ricchezza della cosiddetta classe media.Nel 2008 infatti in Europa il numero di persone a rischio povertà era 116 milioni contro i 123 di oggi, segno che nel giro di sette anni ci sono stati ben sette milioni di poveri in più. In Italia poi il 20% dei più ricchi detiene il 61,6% della ricchezza nazionale netta, mentre il 20% di quelli più poveri ne controlla appena lo 0,4%. Insomma una Europa sempre più povera continua però a votare e a farsi rappresentare da personaggi che fanno parte della percentuale dei più fortunati, e in questo modo la tendenza difficilmente verrà invertita.

Leggi QUI il testo integrale del rapporto di Oxfam

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top