Evgenij Tsarkov interviene sul tema del separatismo in UcrainaTribuno del Popolo
domenica , 22 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Evgenij Tsarkov interviene sul tema del separatismo in Ucraina

La giunta di Kiev, su istigazione, in particolare, del partito neofascista Svoboda, sta procedendo alla repressione e all’arresto di chi sta promuovendo il referendum sulla riforma federale dello stato, con l’accusa di “separatismo”.

Il Partito Comunista d’Ucraina è la prima forza politica a vedere nel federalismo la possibilità di risolvere il conflitto in atto, evitando la secessione delle regioni sudorientali (NdT).

Oggi il popolo ucraino può dare una prima valutazione dell’operato del cosiddetto “nuovo governo” ucraino, che ha portato il paese sull’orlo del collasso e del conflitto fratricida: lo afferma Evgenij Tsarkov, deputato della 6a legislatura della Verhovnaja Rada e segretario del Comitato Regionale di Odessa del Partito Comunista d’Ucraina.

«La stessa Svoboda – secondo Tsarkov – è il principale agente provocatore e la principale leva su cui fa forza il separatismo. La stessa Svoboda ha voluto l’abolizione della legge Kolesnichenko-Kivalova sulle lingue, fatto da cui è derivata la crisi in Crimea. Sempre Svoboda è impegnata nel vandalismo e negli incendi contro le sedi dei suoi oppositori politici. Queste operazioni spingono i residenti delle regioni di lingua russa a resistere e a proteggersi contro tutto questo».

«La serie di attacchi dei militanti di Svoboda contro i candidati alle presidenziali, soprattutto contro i comunisti impegnati nella campagna elettorale, dimostra che chi oggi è contro lo svolgimento delle elezioni è lo stesso soggetto ad essere interessato ad avere nel paese un governo illegittimo e il perdurare del caos».

«La deputata di Svoboda Farion ha dichiarato, a proposito degli abitanti delle regioni sudorientali, che “le misure adottate dovrebbero essere molto più dure, la nostra gente ha dato la propria vita, questi esseri quindi meritano una cosa sola: la morte” – ha ricordato Tsarkov. A questo proposito, il Partito Comunista d’Ucraina chiederà alla Procuratura Generale di valutare questi incitamenti alla violenza, all’odio etnico e allo scontro sociale. Queste dichiarazioni di un rappresentante del partito al potere non spingono alla pace, ma alla guerra».

«Il separatismo pertanto non nasce nel vuoto, ed è necessario affrontare coloro che lo stanno provocando».

Per quanto riguarda le dichiarazioni di Tjagnibok (capo di Svoboda, NdT), Tsarkov ha osservato che “anche le persone con una cultura media conoscono la differenza tra il separatismo, che prevede la separazione del paese, e il federalismo, che presuppone l’unione e il mantenimento dell’integrità territoriale a fronte della suddivisione dei poteri”.

Se il federalismo è il male, – conclude il deputato comunista – perché i paesi più sviluppati al mondo prosperano con un simile ordinamento?

Fonte: http://vremia.ua/rubrics/politika/5792.php

traduzione di Flavio Pettinari per Marx21.it

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top